Emergenza Coronavirus, a Tirano buoni spesa per 162 famiglie

Numerosi cittadini e cittadine tiranesi hanno donato il proprio contributo sul conto corrente solidale dedicato all'Emergenza Coronavirus, sul quale sono stati versati finora 10.250,00 euro da destinare all’emergenza alimentare

Il Comune di Tirano ha riconosciuto buoni spesa per l’acquisto di generi alimentari e altri beni di prima necessità a 162 famiglie tiranesi per un importo complessivo di € 50.690 €. I buoni spesa sono stati erogati grazie al Fondo di solidarietà Comunale, istituito con l’Ordinanza n. 658 della Protezione Civile del 29 marzo scorso, che ha assegnato al Comune di Tirano l’importo di 49.265,94 €. La differenza di 1.424,06 € è stata erogata grazie alle donazioni confluite sul Conto corrente solidale del Comune di Tirano.

I buoni spesa, del valore minimo di 250 € per i nuclei individuali e massimo di € 400 € per nuclei familiari di 4 e più persone, consegnati a domicilio dai volontari della Protezione Civile, potranno essere utilizzati entro il 30 maggio nei negozi di Tirano che hanno aderito all’iniziativa, di cui 20 supermercati e negozi alimentari, 3 farmacie e 3 fornitori di combustibili domestici. Le richieste sono pervenute per lo più da famiglie che si sono improvvisamente ritrovate in difficoltà a causa degli effetti economici dell’emergenza, ma che in genere non sono assistite dai Servizi Sociali: 39 sono stati i singoli, 33 i nuclei composti da due persone, 36 da 3 persone e 54 famiglie con o più 4 componenti.

«La scelta dell’Amministrazione di prevedere modalità semplici di richiesta e un sistema snello di consegna - dichiara il sindaco Franco Spada -  ha permesso di erogare velocemente i fondi a disposizione alle famiglie che avevano un immediato bisogno. Già alla prima tornata abbiamo esaurito i fondi governativi ed è presumibile che la chiusura delle attività faccia sentire i suoi effetti anche nei prossimi mesi creando nuove fragilità. L’auspicio è che possano essere destinate ulteriori risorse al fondo di solidarietà comunale».

Parallelamente, numerosi cittadini e cittadine tiranesi hanno donato il proprio contributo sul conto corrente solidale dedicato all'Emergenza Coronavirus, sul quale sono stati versati finora 10.250,00 euro da destinare all’emergenza alimentare.

«Ringrazio le tante persone solidali che hanno già dato il loro contributo - conclude il primo cittadino di Tirano - il bisogno purtroppo non si è esaurito. Per questo rivolgo un invito a chi vorrà ancora contribuire ad alleviare le situazioni di difficoltà ancora presenti nella nostra comunità».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

CONTO CORRENTE EMERGENZA COVID-19 Intestato al Comune di Tirano presso la Banca Credito Valtellinese
Coordinate IBAN: IT89I0521652290000000005222
BIC/SWIFT: BPCVIT2S
Causale: Erogazione liberale “Emergenza Coronavirus”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in Svizzera, scosse percepite anche in provincia di Sondrio

  • Giro d'Italia, dopo la partenza da Morbegno i ciclisti protestano per pioggia e freddo: tappa accorciata

  • Svizzera, neve e buio coprono i massi caduti sui binari: treno deraglia

  • Cosio Valtellino, grave bambino di 7 anni investito sulla vecchia statale

  • Ammutinamento dei ciclisti al Giro, il direttore di corsa Vegni: «Figuraccia, qualcuno pagherà»

  • Coronavirus, al Morelli di Sondalo la situazione si fa seria

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento