menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un esempio di analisi

Un esempio di analisi

Coronavirus, anche in provincia di Sondrio il tampone si fa in auto. Come funziona

Numerosi i vantaggi delle nuove operazioni. Già operativa l'ASST Valtellina e Alto Lario

Cambia il modo di effettuare i tamponi per il coronavirus anche in provincia di Sondrio. L'ASST Valtellina e Alto Lario, infatti, per l’esecuzione delle analisi rinofaringee per covid-19 ha dato avvio al sistema "drive through", che consente di eseguirli senza che l'utente debba scendere dall'auto.

I tamponi vengono effettuati ai pazienti dimessi ma ancora positivi, alle persone in quarantena a domicilio e a tutti gli operatori che necessitano di tampone nell'emergenza coronavirus: sanitari, forze dell'ordine, volontari.

Si tratta di un sistema  già sperimentato con successo in Corea del Sud e più di recente in Veneto e in Emilia Romagna.La procedura è sicura e veloce: alle persone che vengono convocate nel giorno e all'ora comunicati viene eseguito un tampone rinofaringeo rimanendo a bordo della propria auto.

Per svolgere il servizio l'Azienda sta allestendo tendoni, per  gli operatori sanitari, e gazebo, per le auto degli utenti, nei pressi dei Presidi territoriali e sta organizzando numerose squadre di operatori per eseguire tutti i tamponi necessari che, com'è prassi, vengono inviati a laboratori specializzati di fuori provincia per essere analizzati.

Dalla giornata di mercoledì 1 aprile si stanno effettuando i tamponi a Dongo e da venerdì 3 aprile si partirà a Bormio: in seguito toccherà a Sondrio, Morbegno, Tirano e Chiavenna.

I vantaggi di questo sistema, analogo nelle modalità e negli strumenti utilizzati a quello svolto in ambulatorio, sono molteplici: oltre alla velocità di esecuzione, la comodità per i pazienti ancora positivi che si sottopongono al tampone senza scendere dall'auto, la praticità di non inquinare spazi interni alle strutture e dover procedere alla loro sanificazione. La convocazione delle persone viene inoltre attentamente programmata per concentrare i soggetti a inizio malattia, i possibili positivi, e quelli a fine quarantena in momenti diversi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento