Domenica, 24 Ottobre 2021
Coronavirus

Coronavirus, scende il numero di ricoverati in provincia. Altri sei decessi

I malati sono ricoverati per la quasi totalità al Morelli di Sondalo, mentre a Chiavenna, dove la situazione di emergenza è rientrata, ne rimangono pochissimi

Il totale dei malati covid-19 ricoverati nelle strutture ospedaliere della provincia di Sondrio ad oggi, venerdì 11 dicembre, è sceso a 163, 12 in meno rispetto a due giorni fa, purtroppo anche per effetto dei nuovi decessi che si sono registrati. I morti sono sei, due donne e quattro uomini, dei quali tre nati negli anni Venti, uno negli anni Trenta, uno negli anni Quaranta e uno negli anni Cinquanta.

La situazione continua quindi ad essere difficile e i ricoveri si susseguono, da qui il monito del direttore generale Tommaso Saporito: «Non si può abbassare la guardia, a maggior ragione adesso - spiega -: da domenica gli spostamenti aumenteranno perciò è necessario che i comportamenti consigliati vengano adottati in maniera ancora più rigida. Mantenersi alla distanza di sicurezza, indossare correttamente la mascherina a copertura di bocca e naso e igienizzarsi o lavarsi spesso le mani sono misure imprescindibili che consentono di proteggere noi stessi e gli altri, evitando la diffusione del coronavirus. Purtroppo vi sono persone positive che non sanno di esserlo perché completamente asintomatiche, quindi i contagi avvengono ed è fondamentale prestare la massima attenzione».

Pochi i ricoverati a Chiavenna, quasi tutti si trovano a Sondalo

I malati sono ricoverati per la quasi totalità al Morelli di Sondalo, mentre a Chiavenna, dove la situazione di emergenza è rientrata, ne rimangono pochissimi: da oggi il Pronto soccorso accoglie non soltanto gli utenti che si autopresentano ma anche le ambulanze che trasportano pazienti che necessitano di interventi di tipo medico internistico, non chirurgico.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, scende il numero di ricoverati in provincia. Altri sei decessi

SondrioToday è in caricamento