Coronavirus

I vaccini anti covid salvano gli anziani delle Rsa: i decessi sono tornati come prima la pandemia

I dati dell'osservatorio epidemiologico della Lombardia

Il vaccino anti covid fa bene agli anziani. Il rapporto epidemiologico di Regione Lombardia, appena aggiornato, testimonia il crollo verticale dei decessi nelle Rsa, di pari passo con l'aumento delle vaccinazioni. Gli ospiti delle Rsa, tra l'altro, sono la parte di popolazione maggiormente vaccinata, con il 100 per cento ad avere ricevuto entrambe le dosi di Pfizer o Moderna (il 91,4 per cento aveva ricevuto la prima dose fino al 4 aprile, l'88,3 per cento tutt'e due le dosi).

I dati: nella terza settimana di marzo 2021, i morti nelle Rsa sono stati tre, nell'ultima settimana di marzo quattro, nella seconda di gennaio ben 76: in quel momento, la campagna vaccinale aveva coperto poco meno della metà degli ospiti. Una differenza abissale. Si ricorderanno, nel marzo e aprile del 2020, i numerosi morti tra gli ospiti delle Rsa lombarde, la "strage di anziani" con oltre settecento decessi. La dimostrazione che il vaccino salva davvero la vita.

Anche le segnalazioni di focolaio di covid si sono arrestate, fino a scomparire del tutto tra il 23 marzo e il 6 aprile, ultimi dati a disposizione. Infine, il tasso di mortalità tra gli ospiti delle Rsa lombarde in questi mesi del 2021 non differisce da quelli dei primi tre mesi di 2017, 2018 e 2019. Insomma, la disponibilità dei vaccini covid avrebbe riportato alla normalità la situazione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I vaccini anti covid salvano gli anziani delle Rsa: i decessi sono tornati come prima la pandemia

SondrioToday è in caricamento