menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, all'ospedale Morelli di Sondalo continuano i ricoveri

Nell'ultima giornata 6 nuovi pazienti sono entrati al nosocomio "covid-19" dell'Alta Valle a fronte di una sola dimissione

I dati del Morelli ospedale covid-19, aggiornati alle ore 10 di giovedì 23 aprile, evidenziano numeri che si ripetono giorno dopo giorno, certamente più contenuti rispetto a qualche settimana fa ma comunque preoccupanti, soprattutto sul fronte dei ricoveri, sei ieri, quattro donne e due uomini. Si segnalano inoltre un decesso e un dimesso, entrambi uomini.

Tra le persone ricoverate dall'inizio di questa settimana, 19 in totale, vi sono anziani ma anche sessantenni e cinquantenni, sia uomini che donne: per alcuni di loro il trasporto in ospedale si è reso necessario per l'aggravarsi di sintomi inizialmente lievi, mentre per altri la malattia si è presentata subito in forma acuta. In questi casi si presume che il contagio sia avvenuto nelle due settimane precedenti, dunque il lockdown, nelle uscite oppure in casa per la presenza di familiari positivi al coronavirus ma asintomatici.

«In entrambe le situazioni - precisa il direttore generale Tommaso Saporito - è evidente che il contagio è avvenuto per una colpevole sottovalutazione dei rischi. Da tempo ripetiamo che il virus è molto contagioso e può essere trasmesso da persone che non presentano sintomi, dunque è fondamentale rispettare le regole e prendere le dovute precauzioni. Fuori casa indossando guanti e mascherine e mantenendosi a una distanza di sicurezza dalle altre persone, in famiglia assicurandosi che tutti i componenti si attengano a questi comportamenti quando escono e prestando particolare attenzione all'igiene, ovvero lavando frequentemente le mani e disinfettando le superfici. Il coronavirus è subdolo e sfrutta la nostra superficialità, quindi serve cautela e, in caso di sintomi sospetti, bisogna rivolgersi al proprio medico curante o chiamare il numero verde regionale».

Sul fronte dei tamponi prosegue a pieno ritmo il lavoro dell'Asst che presso i Pronto soccorso, all'esterno dei Presidi territoriali con il sistema "drive trough" e a domicilio sottopone al test le persone segnalate dall'Ats Montagna. A ieri il totale complessivo è di oltre 3500 tamponi, di cui 1230 positivi, 51 in più del giorno precedente, e poco più di duemila negativi, oltre a quelli per i quali si attende l'esito.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Valchiavenna in lutto per la morte di Guglielmo

Coronavirus

Coronavirus, la "stabilità" del contagio in provincia di Sondrio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento