Coronavirus a Dazio, Cazzaniga: «Evitiamo inutili allarmismi»

Un caso di COVID-19 nel piccolo paese della costiera dei Cech

Un altro caso di COVID-19 in bassa valle. Dopo l'ufficialità dei dati Ats che rivelavano la presenza di un caso di coronavirus a Dazio, anche Antonio Cazzaniga, sindaco del comune della costiera dei Cech, ha voluto chiarire la situazione in un messaggio diretto ai propri concittadini.

«Dazio, come altri Comuni - scrive Cazzaniga - purtroppo deve registrare che le Autorità Sanitarie hanno comunicato una positività al COVID-19. La persona, di cui ovviamente non fornisco le generalità, risulta ricoverata. Nella telefonata ricevuta da ATS sono stato rassicurato che le Autorità Sanitarie hanno predisposto tutte le misure necessarie e previste dai protocolli  anche per coloro che sono entrati in stretto contatto negli ultimi periodi. Ogni aspetto legato al caso riscontrato è costantemente monitorato dalle autorità  sanitarie competenti». 

«Nonostante questo - prosegue - chiedo a tutta la Comunità di evitare inutili allarmismi e di rispettare le regole imposte dal governo e dall’Autorità Sanitaria, continuando a vivere questo momento delicato con la tranquillità che ci contraddistingue. Faccio appello al vostro senso civico, uscite di casa solo per comprovati motivi:  lavoro, acquisto di generi alimentari di primaria necessità e medicinali. Se dovete per forza uscire di casa per i motivi di cui sopra, adoperatevi per mantenere sempre la distanza di sicurezza di almeno un metro, lavatevi spesso le mani, copritevi la bocca quando tossite etc. Come sapete  dai volantini in corso di distribuzione alle persone over 65, è possibile  chiedere aiuto se avete bisogno di reperire generi alimentari e/o medicinali al numero verde 800-065510 della Croce Rossa Italiana  che in collaborazione con  il gruppo comunale di Protezione Civile provvederà alla consegna a casa».

«Credo - conclude il primo cittadino di Dazio - di potermi unire a tutti voi nel fare gli auguri di pronta guarigione a chi è ammalato, oltre ad un gesto di vicinanza ai suoi familiari. Concludo con un applauso alla Dottoressa Cecconami, al Dottor Saporito, ai collaboratori degli stessi, nonché a TUTTO il personale sanitario, come ringraziamento per l'impegno, la dedizione e la professionalità profusa per far fronte all'emergenza  in atto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, firmato il decreto legge che "blinda" Natale e Capodanno

  • Fontana: «Con questi numeri la Lombardia sarà zona gialla dall'11 dicembre»

  • Coronavirus, la Lombardia verso l'entrata in 'zona gialla': cosa cambia

  • Piantedo, giovani travolti da una piccola slavina sul Legnone: ora rischiano una multa

  • Arriva l'inverno in Valtellina e Valchiavenna: previste le prime nevicate

  • Spostamenti vietati a Natale, Santo Stefano e Capodanno: le regole del nuovo Dpcm

Torna su
SondrioToday è in caricamento