Come scivola veloce la frana del Ruinon

Le spettacolari riprese della webcam di Arpa dimostrano quanto il dissesto si sia mosso verso valle negli ultimi giorni

Massi in movimento sul fronte del Ruinon (Foto di Giuseppe Cola)

Impressionano non poco le immagini della continua caduta a valle del fronte franoso del Ruinon, in Valfurva. Un video realizzato da Arpa Lombardia, con la tecnica del timelaps grazie alle foto scattate quotidianamente dalla webcam posta sul versante opposto alla frana, in cui si vede chiaramente quanto la smottamento si vivo e, contemporaneamente, instabile.

Uno scivolamento continuo, monitorato nel video dal primo giugno al 27 agosto 2019, che non sembra arrestare la sua corsa. Gli esperti di Arpa hanno rilevato spostamenti di diversi metri giorno dopo giorno, anche di 2/3 metri al dì. Movimenti che destato una certa preozzupazione.

La ricognizione fotografica

«Negli ultimi giorni una nuova frattura si è formata nel settore centrale del coronamento della nicchia bassa. I continui crolli di massi fanno presagire a breve (questione di giorni) un crollo più importante. Il materiale dovrebbe arrestarsi sul corpo frana, forse qualcosa potrebbe raggiungere il vallo» ha scritto su Facebook Giuseppe Cola che da oltre trent'anni fotografa e monitora per passione la frana del Ruinon.

Le immagini di Cola lasciano poco spazio alle interpretazioni sulla grave situazione in cui si trova la frana del Ruinon. Un movimento continuo in cui, quasi con un magam vulcanico, emergono massi di varie dimensioni in continuazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tirano: Gruppo Maganetti diventa B Corp, è la prima società di logistica in Europa

  • Coppa del Mondo, Elena Curtoni vince nella discesa libera di Bansko

  • San Cassiano, incidente sulla Statale 36: 14enne in ospedale

  • Sondrio, controlli alla stazione ferroviaria: la polizia ritrova 232 grammi di marjuana in un muro

  • Scadenza bollo auto 2020: lo sconto di Regione Lombardia per avere due mensilità gratis

  • Quaranta morti sulle strade valtellinesi in soli tre anni, in Prefettura riunito un osservatorio

Torna su
SondrioToday è in caricamento