SS36 chiusa e Sp 72 in tilt, Parolo: «Ma quanti segnali dobbiamo ancora ricevere prima di agire con il buon senso?»

Ugo Parolo: «Io ci ho provato e ci sto provando ancora, ma con il territorio diviso o addirittura assente è molto difficile vincere»

Traffico bloccato in direzione sud (foto Anna Goretti, Facebook)

«Oggi Voglio togliermi come si suol dire “ qualche sassolino"» esordisce così in un post pubblicato sulla propria pagina Facebook Ugo Parolo, ex consigliere regionale in Lombardia ed oggi deputato della Lega, in merito alla situazione di disagio creatasi per automobilisti ed autotrasportatori dopo la frana che ha costretto Anas a chiudere la Statale 36.


«Sono anni - continua - che che come amministratore pubblico e come politico chiedo e ribadisco in ogni occasione che per affrontare con un minimo di tranquillità gli inevitabili lavori di messa in sicurezza della SS36 ( in particolare gallerie Monte Piazzo) occorre prioritariamente garantire una viabilità alternativa accettabile sulla Sp 72, perlomeno nei tratti dove è possibile».

Riapertura SS36: domani l'avvio delle operazioni di messa in sicurezza

«In che modo? Completando gli svincoli di Piona e di Dervio!. Con 4/5 milioni si fa il lavoro di Piona, con 10/15 milioni si fa Dervio. Tutti soldi che verrebbero ampiamente recuperati risparmiando poi sul cantiere futuro nelle gallerie Monte Piazzo, che in tal caso potrebbe essere organizzato senza continue interruzioni per garantire la viabilità nelle ore di punta».


«A quel punto da Piona a Dervio, e viceversa, si transiterebbe sulla sp 72 senza attraversare nessun centro abitato di rilievo, a parte il borgo di Dorio privo di criticità. E invece, per dirla tutta, a livello locale ci si divide proponendo di volta in volta il passaggio a livello di Bellano e a volte lo svincolo di Mandello. Tutte necessità assolutamente giustificate, ma di carattere locale e non strategico! In questa mancanza di sintesi , Anas e i vari Direttori ministeriali romani, hanno gioco facile a promettere e mai concretizzare».

Riapertura SS36: ipotesi doppio senso di marcia nella carreggiata sud

«Questo è quel che penso - conlude Parolo - e lo scrivo ora, prima che qualcuno un giorno quando succederà che la ss 36 dovrà essere chiusa per periodi più lunghi (perché non si quando ma succederà !) venga a dire “ tutti uguali solo promesse”. Io ci ho provato e ci sto provando ancora, ma con il territorio diviso o addirittura assente è molto difficile vincere».

Potrebbe interessarti

  • Il Passo Gavia è riaperto ma sembra un fiume

  • Suor Dorina, da Sondrio a Superiora generale di 1600 consorelle

  • «È solo un arrivederci», dalla demolizione dell'oratorio spunta il saluto che commuove

  • L'annuncio di Trenord: «Più treni tra Tirano e Milano»

I più letti della settimana

  • Grosio, caduta fatale da una scala: Ivano Negri non ce l'ha fatta

  • Valfurva, donna muore sul San Matteo

  • Il Passo Gavia è riaperto ma sembra un fiume

  • Domani riapre il Passo del Gavia

  • Furti in appartamento, ancora un colpo a Sondrio

  • Suor Dorina, da Sondrio a Superiora generale di 1600 consorelle

Torna su
SondrioToday è in caricamento