rotate-mobile
Giovedì, 8 Dicembre 2022
Sport Morbegno

Trofeo Vanoni, una corsa che coinvolge la comunità

Non solo alto agonismo nella classica gara di Morbegno giunta alla sua 65esima edizione

Suggestiva presentazione del 65° Trofeo Vanoni, giovedì 13 ottobre, nella cornice del Tempietto con vista sulla città di Morbegno in versione by night. Una location che più adatta non c’è perché proprio in mezzo al percorso di gara. “Il Trofeo Vanoni in sé è un monumento e percorre un pezzo di strada, la Via Priula, che è un monumento anch’essa” ha esordito il sindaco Alberto Gavazzi (che l’ha corso nel 1978 e 1980).

“E’ un esempio di inclusione sociale perché fate crescere la comunità, il Consiglio regionale è orgoglioso di questo evento” gli ha fatto eco il consigliere di Regione Lombardia Simona Pedrazzi che ha aggiunto: “Mi sento un po’ dei vostri perché è la quarta volta che partecipo alla conferenza stampa”. Non da meno il saluto del vicepresidente della Provincia di Sondrio Maria Cristina Bertarelli: “Il Trofeo Vanoni è un’eccellenza di tutta la Provincia ed è pervaso da uno spirito comunitario, è un evento atteso da tanta gente, non solo dagli atleti”.

Presentazione Trofeo Vanoni 65° edizione - Morbegno

Il Trofeo Vanoni è un evento comunitario proprio perché alla sua organizzazione contribuiscono tante associazioni a vario titolo e il GS CSI Morbegno ha voluto ringraziarle perchè senza il loro aiuto non si riuscirebbe ogni anno ad organizzare un grande Trofeo Vanoni: Gruppo CB Orobico, Protezione Civile Comunale di Morbegno, ANA gruppo di Morbegno, CRI comitato di Morbegno, Vigili del fuoco volontari, Gruppo Giudici di Gara di Sondrio, Parrocchia San Giovanni Battista e Oratorio San Luigi, Nucleo Volontario Associazione Nazionale Carabinieri, La Bandella della Società Filarmonica di Morbegno.

Programma fitto

Illustrato il ricco programma di eventi proposto quest’anno per avvicinarsi al grande weekend delle gare (come sempre la quarta domenica di ottobre), si sono presentate le novità 2022: l’evento sarà plastic free e ai tanti premi speciali se ne è aggiunto uno nuovo, in memoria di Genesio Manenti, per il primo atleta della prima frazione che transiterà al traguardo volante posizionato prima dell’arrivo ad Arzo, nel punto in cui Genesio faceva sempre il controllo durante la gara. Pierandrea Speziale, referente dei Centri CONI della Provincia di Sondrio, ha presentato il workshop che verrà organizzato insieme al GS CSI Morbegno il 15 ottobre:“Come deve essere predisposto un allenamento sportivo giovanile, come l’istruttore si deve porre nei confronti dei bambini e quali giochi ed attività possano essere proposti per una formazione corretta delle capacità coordinative e condizionali”. Confermati anche quest’anno i pettorali con il logo delle associazioni del dono: AVIS Morbegno, AIDO Morbegno e ADMO Sondrio, che collaborano con il GS CSI Morbegno in tutte le manifestazioni organizzate durante l’anno.

Atleti di livello

E’ stato poi il momento di premiare chi di “Vanoni” ne ha corsi tanti (presente pure Aurelio Mazzoni che quest’anno sarà al via per la 45esima volta su 65 edizioni): Salvatore Tarabini con 40 partecipazioni, Sergio Bongio con 25, Alice Gaggi e Cristina Speziale con 15. Annalisa Perlini, consigliere dei diavoli rossi, ha presentato i top runner di questa edizione: "A livello femminile Sarah McCormack (detentrice del record femminile e vincitrice nel 2020 del Trofeo Vanoni), Alice Gaggi (campionessa italiana di corsa in montagna a staffetta e maglia azzurra a Europei e Mondiali, Campionessa del mondo nel 2013, 6° nel World Mountain Running Ranking, vincitrice del Vanoni femminile nel 2011, 2014), Elisa Sortini (1° nel 2018), Sarah Willhoit (2° Snowdon Race 2022), le slovene Lucija Krkoc (Campionessa europea di corsa in montagna nel 2007 cat. juniores, 3° ai Mondiali di lunghe distanze nel 2016) e Dominika Zupancid Valant (4° al campionato nazionale sloveno), le inglesi Betty Bergstrand e Kirsty Hall, le giovani britanniche Chloe Leather, Eve Pannone e  (6° agli Europei 2019 cat. juniores), Rosie Woodhams (nazionale juniores 2018), la gallese Katie Reynolds.

A livello maschile, anche quest’anno grande partecipazione di squadre straniere, in particolare dal Regno Unito. Purtroppo non saranno al via Polonia e Repubblica Ceca, ma abbiamo il gradito ritorno della Repubblica di San Marino. Occhi puntati ovviamente sulla Francia, che ha vinto 6 volte nelle ultime 8 edizioni. Quest’anno schiera Manu Meyssat (miglior tempo al Vanoni nel 2017 con 29’23”), Alexandre Fine (vincitore a squadre nel 2018, 2020, 2021) e il debuttante Quentin Meleux. La Slovenia si ripresenta con le stesso terzetto dello scorso anno che conquistò il 4° posto: Timotej Becan (autore quest’anno di una grande stagione che l’ha visto nella top five delle principali gare internazionali di corsa in montagna e attualmente è 3° nel Ranking mondiale), Klemen Spanring e Miran Cvet, rispettivamente 2° e 3° al campionato nazionale sloveno di corsa in montagna.

Lo Snowdon Race Team schiera i migliori piazzati alla gara gallese gemellata con il Trofeo Vanoni: Ross Gollan, Nathan Edmondson e Michael Cayton. Avremo poi la squadra nazionale gallese, 2 squadre irlandesi, una squadra inglese under 23, una squadra britannica della Scott Sports UK e una squadra degli Eryri Harriers, la società sportiva di Llanberis gemellata con il CSI Morbegno dal 1983). Per quanto riguarda le squadre italiane, per il momento confermate Atletica Valchiese (2° nel 2021 e 1° al Campionato italiano di corsa in montagna a staffetta 2022), La Recastello Radici Group con Magri, Costa e Ruga (5° nel 2021, 2° e 3° al Campionato italiano di corsa in montagna a staffetta 2022), ma solo alla chiusura delle iscrizioni giovedì 20 avremo evidenza delle squadre favorite”

Grande finale con l’intervista alla campionessa azzurra Alice Gaggi, favoritissima tra le donne, e lo scoop della prima squadra del GS CSI Morbegno: quest’anno con i senior Marco Leoni e Diego Rossi debutterà lo junior Francesco Bongio.

Dopo i saluti del presidente del GS CSI Morbegno Giovanni Ruffoni e del vicepresidente della Comunità Montana Valtellina di Morbegno e assessore allo sport del Comune di Morbegno Franco Marchini, ricco rinfresco finale e vin brulè con gli Alpini di Morbegno. 

Il programma

Sabato 22 ottobre            
ore 17.00 - Sfilata atleti e squadre nazionali partecipanti da Piazza Sant’Antonio
ore 17.30 - Deposizione Corona al Monumento ai Caduti
Ore 18.00 - S. Messa nella Collegiata di S. Giovanni Battista in suffragio di Ezio Vanoni, di Mons. Edoardo Danieli, dei Caduti del Battaglion Morbegno, di Don Davide Colico e degli amici, atleti e dirigenti scomparsi. 

Domenica 23 ottobre
ore 9.00 - Inizio gare 45° MINIVANONI
ore 11.00 - Partenza 39° VANONI FEMMINILE
ore 11.05 - Premiazioni 45° MINIVANONI in zona arrivo
ore 14.00 - Partenza  65° TROFEO EZIO VANONI
ore 17.30 - Premiazioni  39° VANONI FEMMINILE e 65° TROFEO EZIO VANONI  nel Chiostro in Piazza Sant’Antonio         

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trofeo Vanoni, una corsa che coinvolge la comunità

SondrioToday è in caricamento