rotate-mobile
Sabato, 25 Giugno 2022
Ennesimo botta e risposta

La Federazione replica ad Arianna Fontana: "Appoggio e fiducia agli atleti e allenatori accusati"

La risposta della Fisg attraverso una nota, dopo le dichiarazioni a mezzo stampa della campionessa di Polaggia

Le dichiarazioni rilasciate a mezzo stampa da Arianna Fontana, in cui la campionessa di Polaggia ha rivolto accuse precise e cirostanziate ad allenatori e atleti della nazionale italiana di short track, non potevano certo lasciare indifferente la Fisg (Federazione italiana sport del ghiaccio) che, infatti, ha replicato prontamente attraverso una nota rispedendo le accuse al mittente e ribadendo la fiducia e l'appoggio a chi è stato attaccato dalla Fontana.

"In merito alle dichiarazioni dell’atleta Arianna Fontana raccolte e pubblicate sul Corriere della Sera, - si legge nella nota pubblicata sul sito ufficiale della Fisg - la Federazione Italiana Sport del Ghiaccio non condivide né la forma né la sostanza di queste esternazioni e intende ribadire e sottolineare l’appoggio e la fiducia ai propri atleti ed allenatori oggetto delle accuse rivolte da Fontana a mezzo stampa. La posizione federale in merito all’intera vicenda è già stata espressa con chiarezza in occasione della conferenza stampa del presidente Gios dello scorso 18 febbraio e non vi è l’intenzione di alimentare ulteriormente una polemica che nuoce ai diretti interessati così come all’intero movimento. Ogni altra considerazione verrà riportata a tempo debito nei luoghi e nelle sedi opportune".

"Tutti gli sforzi da parte del Presidente Gios e della FISG sono oggi rivolti alla ricerca, con il massimo impegno e la massima apertura, - si chiude la nota - di una soluzione che garantisca l’unità della squadra Nazionale così da salvaguardare la continuità di un gruppo di lavoro che in questi anni ha raccolto risultati straordinari".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Federazione replica ad Arianna Fontana: "Appoggio e fiducia agli atleti e allenatori accusati"

SondrioToday è in caricamento