rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Sport Livigno

Livigno, con il "Road Bike Tour" il ciclismo è per tutti

Ogni giorno viene proposto un percorso diverso e il mercoledì si potrà pedalare con i campioni della disciplina che si allenano in vista dei più importanti appuntamenti agonistici

Per permettere a sportivi e appassionati di mettere alla prova se stessi e i propri limiti percorrendo tour indimenticabili che toccano alcuni dei più celebri passi alpini, Livigno propone Road Bike Tour: percorsi composti da scollinamenti oltre i 2000 metri, salite infinite, serpenti di asfalto che si inerpicano tra la vegetazione, muri di roccia e lingue di neve che resistono alle temperatue tutti da esplorare con il prezioso supporto delle guide bike e del servizio ammiraglia, in collaborazione con l’azienda produttrice di telai Cicli Pinarello.

Il supporto ai ciclisti

Questo servizio, pensato per avvicinare gli amatori al mondo della roadbike, rappresenta una novità del 2021. Con il van ammiraglia, Livigno fornisce un punto d’appoggio sempre pronto per ogni evenienza, un supporto logistico e mentale per chi desidera sostare o ha bisogno di assistenza per il proprio mezzo. L’ammiraglia è attiva dal lunedì al venerdì e garantisce un’esperienza bike in piena tranquillità, grazie altresì al supporto delle Guide Bike che sapranno fornire ogni tipo di indicazione per pianificare al meglio il tour. Ogni mercoledì invece sarà possibile partecipare alla "Giornata con il Campione" e pedalare in compagnia dei vari professionisti presenti a Livigno per i loro allenamenti. 

ciclismo livigno foto rony trab-10427-2

I percorsi

Tra i percorsi proposti nel Road Bike Tour 2021, il lunedì spicca il giro dell’Engandina, un giro ad anello adatto anche agli amatori, dalla durata di 5-7 ore, che tra salite, discese con poca ripidità, e un susseguirsi di sali-scendi porta i ciclisti alla scoperta di Passo Forcola (2.315 m), Passo del Bernina (2.328 m), il pittoresco villaggio di Zernez, la panoramica diga di Ova Spin, il Tunnel Munt la Schera fino a raggiungere il Piccolo Tibet con una rillassante pedalata sul lungolago.

Per il martedì il programma prevede la scalata del Passo dello Stelvio con salita dal versante svizzero Passo Umbrail. Un percorso panoramico di 6-8 ore con partenza soft dal lungolago di Livigno. Dopo il supporto iniziale di una navetta che porterà i viaggiatori sul lato opposto del Tunnel Munt la Schera, comincia la prima salita del tour alla scoperta del passo del Forno a quota 2.149 m; seguirà una lunghissima discesa che, attraverso la Val Müstair, porta al bellissimo borgo di Santa Maria. L’itinerario prosegue poi con un percorso ripido con pendenza del 12% che anticipa un susseguirsi di tornanti fino alla Valle dell’Umbrail. Dopo aver raggiunto il passo dell’Umbrail a quota 2.500 metri, mancano ancora 3,6 chilometri per raggiungere Cima Coppi, il Passo dello Stelvio a quota 2758 m.

La giornata con il campione

Con partenza tra le 9.00 e le 10.00 dal Bike Skill Center, il tour del mercoledì a Livigno è dedicato alla "Giornata con il Campione", un percorso gratuito più breve rispetto ai classici tour previsti nel programma, accompagnati da uno degli atleti professionisti presenti nel Piccolo Tibet: tra loro Elia Viviani, Giulio Molinari, Barbara Guarischi e molti altri. Anche durante "Giornata con il Campione" gli ospiti avranno la possibilità di essere seguiti dall’ammiraglia e del servizio shuttle per il rientro a Livigno.

Il giovedì è la volta del Passo Foscagno + Passo Forcola. Un tour, intrapreso anche dai professioni che si allenano a Livigno, che attraversa buona parte dell’Alta Valtellina e la Val Poschiavo in Svizzera. Con 2.800 metri di dislivello e 125 chilometri di distanza, questo percorso comprende passo Eira a 2.208 metri di quota e passo Foscagno a 2.291 metri prima di una lunga discesa alla volta del comune di Valdidentro, Bormio e Tirano. Da qui dopo una breve sosta, il tour riparte alla volta del lago di Poschiavo in Svizzera. Dopo 8 chilometri di sentiero pianeggiante, si torna a salire in maniera costante per 22 chilometri fino alla dogana svizzera de La Motta, dove si lascerà la strada principale del Bernina per il Passo Forcola. Per arrivare in cima, a 2.315 metri, i viaggiatori dovranno attraversare un suggestivo paesaggio lunare denominato i Gessi. 

Un percorso meno conosciuto ai più è Flüela Pass e Albula Pass, che si sviluppa interamente in territorio svizzero tra vallate, paesini, e attrazioni naturalistiche. Punto di partenza e arrivo è Zernez, a 30 km da Livigno, raggiungibile tramite mezzi pubblici o servizio navetta. Un itineario di 117 chilometri e 3.070 mt di dislivello parte con l’esplorazione del paesino di Susch, raggiungibile dopo un breve tratto in pianura di 6 chilometri. Da qui si comincia a salire per 13 chilometri direzione passo Flüela a quota 2383 m. La discesa porterà a Davos, famosa località sciistica del Canton Grigioni e presso la valle dell'Albula dove comincia la seconda ascesa della giornata. La salita è spettacolare e permette ai turisti di addentrarsi in una vera e propria gola scavata nella roccia. Questa strada, con pendenze  costantemente ripide e un unico tratto centrale in falsopiano, permette di raggiungere la parte finale alPasso Albula, a quota 2312 mt.

Le proposte nel weekend

Il sabato e la domenica sono previsti altri tour su richiesta degli ospiti, con la possibilità di usufruire di un servizio shuttle per il rientro a Livigno. I percorsi disponibili sono lo Stelvio con salita dal versante alto-atesino di Prato Stelvio; il passo del Mortirolo e passo Gavia, tour tra i più celebri proposto anche durante il Giro d’Italia; i panoramici Laghi di Cancano con partenza e arrivo a Livigno. 

Per maggiori infomazioni: www.livigno.eu/road-bike
 

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Livigno, con il "Road Bike Tour" il ciclismo è per tutti

SondrioToday è in caricamento