menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coppa del Mondo di sci, a Santa Caterina Valfurva i due giganti annullati in Val d'Isère

Il presidente FISI, Flavio Roda: «La montagna italiana gode di credibilità internazionale: meritiamo maggiore attenzione dalle istituzioni nazionali»

Sarà Santa Caterina Valfurva a recuperare i due giganti maschili annullati in Val d'Isère a causa della mancanza di neve nella località francese e previsti per il 5 e 6 dicembre. Gli orari di gara saranno: 10.30 e 13.30 per la prima gara, e 10 e 13 per la seconda. La Coppa del mondo torna così in Valfurva mantenendo le stesse date, a quasi quattro anni dalle ultime competizioni disputate sulla "Deborah Compagnoni", quando si gareggiò in superG e combinata alpina maschile il 27 e 29 dicembre 2016. Allora le vittorie andarono ad Kjetil Jansrud e Alexis Pinturault, con un terzo posto di Dominik Paris in superG, mentre il palmarès della prestigiosa pista lombarda attende i nuovi nomi da iscrivere nella lista.

L'organizzazione della gara è stata assunta dalla Federazione Italiana Sport Invernali che anche per quest'anno si occuperà anche dell'organizzazione delle gare veloci di Bormio del 28 e 29 dicembre. Essenziale sarà il supporto, ricevuto dalla FISI, da parte di Regione Lombardia, da sempre al fianco degli sport invernali italiani; del Comune di Santa Caterina e della società impianti "Santa Caterina Impianti"; così come fondamentale sarà il lavoro dell'organizzazione locale. Fondamentale sarà il ruolo della Onlus Cancro Primo Aiuto - Oltre CPA, che supporterà l'organizzazione nella creazione della "bolla" anti-Covid e in tutte le attività mediche che l'evento richiederà.
La direzione di gara è stata affidata a Omar Galli e Tino Pietrogiovanna, storico componente della Valanga Azzurra nonché tecnico federale per molti anni.

"Si tratta dell'ennesima dimostrazione - ha detto il Presidente FISI, Flavio Roda - che l'Italia degli sport invernali gode di una grande credibilità internazionale, dovuta alle imprese dei propri atleti e alla realizzazione di grandi eventi. Come succederà a Santa Caterina, l'Italia dimostra di essere in grado di organizzare una tappa di Coppa del mondo di alto livello in pochissimi giorni, e questo succede grazie al lavoro di grandi professionalità e ad una grandissima coesione e passione di tutti gli attori del comparto montano, che meriterebbe maggior attenzione dalle massime istituzioni del Paese, soprattutto in questa fase molto delicata che vede a rischio la stagione invernale".


I due giganti del 5 e 6 dicembre apriranno così la tournée italiana di gare, che proseguirà con i tradizionali appuntamenti della Val Gardena, Alta Badia, madonna di Campiglio, Bormio e Kronplatz, per terminare con i Campionati del mondo di Cortina dal 7 al 21 febbraio prossimi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento