rotate-mobile
Si interverrà?

Nuova Sondrio: "Per la serie D serve uno stadio all'altezza"

La sollecitazione dei massimi dirigenti della società biancazzurra e la risposta delle istituzioni

Si festeggia in casa Nuova Sondrio, ma si comincia a pensare anche alla serie D che la società biancazzurra affronterà nella prossima stagione con la volontà di essere ancora protagonista e non limitandosi a recitare un ruolo da comprimari.

Affinché questo succeda, però, serve l'aiuto di tutti, di sponsor e istituzioni, specie su una questione delicata come quella dello stadio "Coni" che necessita di alcune migliorie ad esempio per quanto riguarda spogliatoi, impianto di illuminazione e qualità del terreno di gioco.

"La serie D mi fa un po' paura: Michele Rigamonti è il presidente, ma non è così importante, potrebbe anche non esserlo più in futuro. L’importante è che la società si consolidi, abbia degli obiettivi e vada avanti, questo è il mio sogno - ha spiegato proprio Michele Rigamonti -. Mi auguro che ora arrivi l’aiuto da parte di tutti, dalle istituzioni, dagli sponsor perché ora ci aspetta il passo successivo e anche in serie D non vogliamo fare un campionato solo per non retrocedere, ma da protagonisti. Questo, però, potremo farlo con quello che arriverà in questi giorni e mesi da sponsor e istituzioni per continuare a competere per obiettivi importanti"

"Mi auguro che le istruzioni, gli sponsor, il tessuto sociale nella sua totalità e cioè sportivi e tifosi facciano la loro parte con lo stesso impegno e trasporto che abbiamo avuto noi - ha rafforzato il concetto il direttore sportivo biancazzurro Christian Salvadori -, e mettano in campo lo stesso senso d'appartenenza che abbiamo messo noi".

Sollecitazioni, queste, giunte da parte dei massimi dirigenti biancazzurri che hanno sin qui incontrato reazioni "contrastanti" da parte delle istituzioni stesse, visto che se da un lato il sindaco di Sondrio Marco Scaramellini aveva dato segnali di apertura subito dopo il fischio finale della gara contro il Mapello di domenica ("Valuteremo insieme alla società: quello che ci sarà da fare faremo perché ci teniamo molto e poi questa promozione ci porta in serie D. Un palcoscenico che abbiamo già visto, però è veramente importante e dobbiamo essere all’altezza"), molto meno rassicuranti per la Nuova Sondrio e i suoi tifosi sono state invece le dichiarazioni rilasciate all'emittente radio-televisa Tsn poche ore fa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova Sondrio: "Per la serie D serve uno stadio all'altezza"

SondrioToday è in caricamento