rotate-mobile
Serve più attenzione

Nuova Sondrio e gol annullati: "Ci mancano sei punti in classifica"

A rimarcarlo il presidente del sodalizio del capoluogo Michele Rigamonti che chiede maggiore attenzione in vista del rush finale del girone d'andata in cui i biancazzurri si giocano il primato

Cominciano a pesare i gol regolari annullati alla Nuova Sondrio nel campionato di Promozione: ben sei punti, secondo il presidente Michele Rigamonti, un bottino che avrebbe fatto tutta la differenza del mondo in un girone B in cui regna un grandissimo equilibrio e cinque squadre racchiuse in sole cinque lunghezze.

Ecco perchè, proprio il numero uno del sodalizio biancazzurro invoca una maggiore attenzione da parte di direttori di gara e assistenti, specie nei momenti cruciali delle varie partite: "Purtroppo contro la Speranza Agrate la vittoria è sfuggita anche per una decisione arbitrale penalizzante, con il terzo gol annullato dall’inizio del campionato che ci ha privato della vittoria, togliendoci di fatto sei punti in classifica - spiega Rigamonti -. Capiamo le difficoltà che sussistono nel reclutamento degli arbitri in campionati come la Promozione, dove non sempre la domenica viene garantita la terna e ringraziamo gli sforzi che vengono fatti in questo senso. Chiediamo però un po’ più di attenzione nel corso delle partite, affinché non venga mortificato il lavoro quotidiano che ci vede impegnati come società e quello di tecnici e allenatori in particolare. Certi che l’impegno di tutte le parti in causa sarà sempre massimo e rivolto a raggiungere standard ottimali di qualità, guardiamo con fiducia a questo finale del girone d’andata, in cui ci attendono appuntamenti avvincenti ai quali sapremo farci trovare pronti”.

Gli episodi incriminati

La Nuova Sondrio aveva già recriminato per un gol annullato ingiustamente in occasione del match di Calolziocorte, terminato 2-2 e in cui la rete di Muletta era stata cancellata per un presunto fuorigioco dell'attaccante valchiavennasco, e anche a Cavenago, quando lo 0-0 era stato sancito anche dall'annullamento (sempre per dubbio fuorigioco) della rete di Stefanazzi per una posizione irregolare di Caballero che, secondo l'arbitro, aveva ostacolato la visuale del portiere avversario.

Poi, domenica, è arrivato l'annullamento del gol di Muletta alla Castellina al 44' del primo tempo, sul punteggio fermo sullo 0-0, senza dimenticare le lamentele biancazzurre per altre due reti negate contro GrentArcadia e Galbiate che non hanno però inciso sul risultato finale dei due match.

In crescita

Episodi, dunque, che pesano, non soltanto in chiave classifica, ma anche perchè, come sottolineato già da mister Fabio Fraschetti domenica e ribadito anche dal presidente Michele Rigamonti, vanificano almeno parzialmente le buone prestazioni dei calciatori biancazzurri: "Anche la partita di domenica ha dimostrato come la squadra stia crescendo, dimostri autorità e determinazione - precisa il presidente della Nuova Sondrio -, creando occasioni da gol e riuscendo a comandare il gioco con trame efficaci e una manovra volta sempre a costruire, non a distruggere, in un campionato dove regna l’equilibrio e altre squadre ben attrezzate stanno lottando per le posizioni di vertice”.

Il settore giovanile

Infine, sempre Michele Rigamonti ha voluto rivolgere un pensiero anche all'attività del settore giovanile: "In occasione dell’inaugurazione della statua di San Giovanni Bosco avevo potuto apprezzare tutta la vitalità e la voglia di divertirsi dei nostri piccoli giocatori - ha concluso Rigamonti -. Nei giorni scorsi ho avuto modo di incontrare alcuni esponenti delle varie squadre che compongono il nostro vivaio e nelle prossime settimane sarò al campo per portare il mio saluto anche ad altre formazioni. Al di là dei risultati ottenuti nei vari campionati, che sono decisamente positivi e premiano il lavoro di tecnici e dirigenti oltre all’impegno dei ragazzi, mi ha colpito l’educazione e la voglia di stare insieme di molti di loro, segnale che nel nostro club si stanno mettendo quelle basi fondamentali per una crescita serena e conforme ai valori che lo sport porta con sé. Questo spirito, unitamente ai preziosi insegnamenti che arrivano anche dalla costante presenza dei tecnici dell’Ac Monza a cominciare da Pierluigi Orlandini, contribuiscono a rendere la nostra società fiduciosa per il raggiungimento degli obiettivi prefissati”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova Sondrio e gol annullati: "Ci mancano sei punti in classifica"

SondrioToday è in caricamento