Scuola

ITAS “Piazzi” di Sondrio, la DaD non ferma le attività di laboratorio: tra orto, frutteto e produzioni agro-alimentari

«Anche nei mesi più complessi segnati dalla pandemia e con l’adozione della Didattica a distanza  - spiega il Dirigente Scolastico prof. Gianfranco Bonomi Boseggia - le attività laboratoriali all’aperto dell’Istituto Tecnico Agrario “Piazzi” di Sondrio non si sono mai fermate».

«Tradurre il “sapere” in “saper fare”, esaltare l’intelligenza pratica troppo spesso sottovalutata e abituare gli studenti al lavoro in gruppo per agevolare il loro inserimento nel mondo del lavoro». È questo, in estrema sintesi, il “motto” dell’Istituto Tecnico Agrario “Piazzi” di Sondrio che, attraverso le numerose attività didattiche concepite ad hoc per i propri ragazzi, mira a svilupparne le capacità applicative ed operative. Numerosi e declinati in una prospettiva pluridisciplinare sono i laboratori promossi dall’Istituto, che vanno dalla formazione di carattere agrario e vitivinicolo, ai laboratori di trasformazione connessi al processo di produzione dei prodotti agro-alimentari, alle attività legate al giardino-orto- frutteto botanico fino alle azioni messe in atto al campetto sperimentale dedicato alla semina di cereali autunno-vernini e colture orticole. Innovativi anche i laboratori di cosmesi con focus sulle materie prime di origine vegetale, che hanno permesso ai ragazzi delle quarte, sotto la guida di un esperto esterno estremamente competente, di imparare a produrre burro cacao, gel disinfettanti, creme, riallacciandosi comunque a quanto previsto dal programma di chimica.

Come si legge sulle pagine social della scuola aggiornate costantemente: #LAGRARIONONSIFERMA

«Anche nei mesi più complessi segnati dalla pandemia e con l’adozione della Didattica a distanza  - spiega il Dirigente Scolastico prof. Gianfranco Bonomi Boseggia - le attività laboratoriali all’aperto dell’Istituto Tecnico Agrario “Piazzi” di Sondrio non si sono mai fermate. A rotazione, una classe al giorno ha avuto la possibilità di recarsi a scuola in tutta sicurezza per effettuare una serie di lavori all’aperto. In particolare, in questi mesi è stato totalmente risistemato e riportato all’antico splendore il giardino, una superficie terrazzata di più di un ettaro, dove sono anche stati piantati diversi alberi da frutto di varietà antiche, ed impiantato un vigneto con vitigni resistenti ai parassiti. Ciò ha consentito ai ragazzi non solo di proseguire il proprio percorso di formazione ma anche di non disperdere i frutti del lavoro iniziato in precedenza. Particolare cura è stata dedicata alla creazione di un piccolo giardino di piante aromatiche ed officinali: per un perito agrario è fondamentale saper distinguere le diverse specie e sicuramente queste attività consentono di sperimentare il riconoscimento direttamente sul campo. Non è stata tralasciata la parte legata alla caseificazione: nel nuovo laboratorio di trasformazione dei prodotti i maturandi si sono cimentati nella produzione di burro, formaggio e ricotta. Inoltre i nostri studenti della classi terze si dedicano regolarmente alla rielaborazione dei dati rilevati dalla stazione meteo della scuola, realizzando il consueto bollettino tecnico».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

ITAS “Piazzi” di Sondrio, la DaD non ferma le attività di laboratorio: tra orto, frutteto e produzioni agro-alimentari

SondrioToday è in caricamento