Martedì, 18 Maggio 2021
Politica

Scogliera in Val di Mello, la minoranza spinge per le dimissioni di sindaco e assessore

Le dure critiche di Pietro Taeggi e Stefano Scetti della lista civica "Val Masino": «Siamo sulla bocca di tutti i media nazionali (anche stranieri) ancora per una brutta gestione. Siamo stanchi! C'è un grave danno d'immagine. Chiediamo con forza le dimissioni»

La tanto discussa scogliera eretta per consentire il passaggio di disabili e anziani (Foto di Giovanni Nave, Fb)

In Val di Mello si accende lo scontro tra amministratori locali. Dopo l'annuncio di Ersaf di voler distruggere la scogliera appena eretta, ecco arrivare dure le parole dei consiglieri comunali di minoranza, eletti tra le fila della lista civica "Val Masino", a commento di quanto recentemente accaduto. «Siamo arrabbiati, molto arrabbiati. Siamo stanchi di un'amministrazione che nega qualsiasi confronto sulla questione Val di Mello! Siamo stanchi che si rilascino comunicati pieni di bugie con il solo scopo di sembrare attenti alla sicurezza della popolazione locale, quando invece i lavori fatti non servono a proteggere niente! Siamo stanchi che si buttino via soldi pubblici per lavori inutili quando ci sarebbero lavori utilissimi da fare per migliorare le condizioni di vita dei cittadini della Val Masino» ha commentato il consigliere Pietro Taeggi.

«Siamo arrabbiati che un ente superiore come la Comunità Montana Valtellina di Morbegno non si pronunci sulla questione, che più di 60.000 firme (tra cui molti della Valle) non vengano considerate e che il Consiglio Comunale sia tenuto all'oscuro di tutto. Dobbiamo tutelare un patrimonio di tutti e nessun amministratore locale prende posizione? Siamo sulla bocca di tutti i media nazionali (anche stranieri) ancora per una brutta gestione della Val Masino, e questa è l'ennesima volta in poco tempo. Siamo stanchi! C'è un grave danno d' immagine (a tutta la Valtellina), si parla poco della Val Masino e delle sue peculiarità e tanto di come siamo capaci a farci del male. Non è così! La maggior parte delle persone del posto non la pensa così e noi dobbiamo dar loro voce. Questo silenzio assordante sulla questione non è più tollerato!» ha continuato con decisione Taeggi insieme al collega di lista civica Stefano Scetti.

Un grave danno di immagine che secondo i due amministratori di minoranza può esser recuperato con il cambio di gestione del Comune retico. «Chiediamo con forza le dimissioni del Sindaco e del Presidente della Riserva Val di Mello (Simone Songini e Albino Taeggi, ndr). Dopo quello che è successo non possono continuare ad operare su questa strada contro il parere di tutti, contro gli interessi della Val di Mello e dell'intera Val Masino».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scogliera in Val di Mello, la minoranza spinge per le dimissioni di sindaco e assessore

SondrioToday è in caricamento