rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
I cittadini non ci stanno / Teglio

Il comitato della Val Belviso non ci sta: "Basta ignorarci"

La lettera aperta ai candidati sindaco del Comune di Teglio in vista della tornata elettorale di domenica e lunedì

Sono piuttosto "movimentati" i giorni che precedono le elezioni comunali a Teglio: i due candidati Laura Branchi e Ivan Filippini stanno ricevendo molte sollecitazioni dai comitati locali su temi di grande interesse per i cittadini.

Dopo le lettere aperte relative alla viabilità e all'invaso della Margatta ecco che ora a far sentire la loro voce sono i componenti del comitato "Viviamo le Orobie" della Val Belviso che non risparmiano critiche a nessuno dei due candidati.

La lettera aperta

Anche in questo caso, il canale scelto per esprimere le proprie perplessità e richieste per il futuro è stato quello di una lettera aperta:

"Come comitato (Viviamo le Orobie), dopo aver letto i programmi dei due candidati di Teglio, preso atto che la riserva Valbelviso, oltre tutta la valle, è ignorata così come sono ignorate le grandi potenzialità, è doveroso da parte dei cittadini ricordarlo a chi si appresta a governare il nostro Comune - si apre così la lettera -. Nulla di personale al percorso amministrativo dei due candidati, mentre sui programmi sì. Ed è inevitabile far riferimento all’amministrazione uscente per il totale disprezzo dimostrato nei confronti dei cittadini: basta pensare alle dimissioni della minoranza, un fatto gravissimo, ma ignorato completamente! Ecco la conseguente nascita di vari comitati,dovuta alla mancanza totale di un confronto, per capire come stanno le cose".

"Due sono le liste, una capitanata da Ivan Filippini e l’altra da Laura Branchi - proseguono i componenti del comitato -. Filippini praticamente non rinnega niente dell’attuale amministrazione, di cui fa parte attivamente con la delega ai lavori pubblici e il suo programma è in perfetta continuità; Laura Branchi è l ‘assessore dimissionaria nel 2020, mai ha chiarito la sua scelta e mai si è dissociata chiaramente dall’attuale maggioranza di Elio Moretti. Anzi! La si ricorda però nell’aver chiuso la scuola materna di San Giacomo contro la volontà della popolazione e senza ce ne fosse nessun bisogno. Questo atto va ricordato! Ricordiamo ai candidati, visto la non menzione nei programmi, che il comitato ha inviato già nel maggio 2021, due anni orsono, a sindaco e consiglieri, una petizione sottoscritta da oltre cento cittadini con le seguenti considerazioni e richieste: che le riserve hanno fatto il loro tempo, istituite un secolo fa e oggi non più corrispondenti con la legislazione vigente. Oltretutto il contratto in essere non è rispettato su: gestione personale, gestione della fauna, manutenzione prevista".

"Sono state numerose le nostre sollecitazioni, ma mai vi è stata una risposta, mai aperto un dialogo sull’utilizzo di un territorio pubblico, cioè di tutti noi e i candidati lo ignorano volutamente per continuare su un utilizzo assurdo, concesso ai privati per farne business - questa un'ulteriore puntualizzazione contenuta nella lettera -. Il tutto nonostante il consiglio abbia approvato una mozione della minoranza sulla gestione in atto, sempre nel maggio 2021, che non ha più avuto seguito! L’amministrazione ha ignorato tutto, ma la mozione votata all'unanimità prevedeva che: l’azienda Faunistico Venatoria Val Belviso Barellino, pena la risoluzione per inadempimento del contratto in essere, doveva adempiere, entro e non oltre la data del 30 giugno 2021 all’assunzione dei guardiacaccia residenti nel Comune di Teglio, nel numero ed alle condizioni di cui all’accordo sottoscritto con il Comune nel 2015; osservare gli obblighi contrattuali relativi alla sorveglianza e manutenzione del territorio e degli immobili affidati".

"Tutto, però - si chiude la lettera - è stato ignorato anche dai candidati: pensano di continuare sulla scia dell'amministrazione uscente e far finta di nulla? A fronte di tale situazione, ciò che ferisce di più, sta nel fatto, che, nonostante i nostri ripetuti segnali di invito al dialogo, si continui a girare la testa dalla parte opposta come nulla fosse. Questo significa avallare un comportamento non rispettoso delle leggi  sulla gestione del bene pubblico quali le riserve e non solo! L’ultima perla di questo Comune è l’indizione di un consiglio Comunale per il 9 Maggio 2023 per variazione di bilancio di somma urgenza per la frana sulla strada di Frera, strada chiusa da ottobre scorso, ma si fa passare che la frana è del 2 maggio, Commentare ciò è veramente impossibile. Questa è l'amministrazione del Comune di Teglio e i candidati che dicono?".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il comitato della Val Belviso non ci sta: "Basta ignorarci"

SondrioToday è in caricamento