rotate-mobile
Servizio da ripristinare

Sondrio, quale futuro per il Centro del riuso?

La struttura è chiusa dal 2020 nonostante l'importante valenza che aveva ricoperto in città da un punto di vista sociale e ambientale

Negli anni scorsi il Centro del Riuso (la cui denominazione ufficiale è in realtà quella di Centro di Raccolta di Materiali Riutilizzabili o CeRMaR) situato in Via del Ponticello, traversa di Via Samaden aveva svolto un'importante funzione sia sul versante della tutela ambientale che dal lato del sostegno alle persone in difficoltà.

Tuttavia, dal 2020, quindi ormai da due anni e mezzo, questo servizio non è più attivo visto che il 31 dicembre 2019 è scaduta la convenzione (mai rinnovata) tra Comune di Sondrio e Parrocchia S.S. Gervasio e Protasio per la gestione proprio del Centro del Riuso. In più occasioni è stata dichiarata l’intenzione dell’amministrazione di proseguire in questo servizio, ma, ad oggi, non si è a conoscenza di una prossima riapertura e nemmeno di attività o iniziative proprio della stessa amministrazione che possano considerarsi alternative o sostitutive.

L'interrogazione

Per questo, il consigliere Gian Mario Palotti (lista civica Giugni sindaco) presenterà, in occasione della seduta del consiglio comunale in programma a palazzo Pretorio venerdì, un'interrogazione in cui chiede conto di quali siano state le azioni intraprese da maggio scorso ad oggi per dare corso alla riapertura del CeRMaR e se, in caso di effettiva volontà di riattivare il servizio, quali siano i tempi previsti perchè questo accada e l'ammontare delle risorse economiche che verranno destinate al servizio stesso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sondrio, quale futuro per il Centro del riuso?

SondrioToday è in caricamento