rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
A cadenza regolare

Sondrio, un tavolo tecnico per informare e vigilare su ospedale e sanità

Approvata all'unanimità la mozione presentata dal consigliere Alessandro Spolini

E' stata accolta la richiesta contenuta nella mozione presentata dal consigliere Alessandro Spolini (Sondrio Democratica) in occasione della seduta del consiglio comunale di Sondrio di venerdì: il sindaco Marco Scaramellini relazionerà i rappresentanti del consiglio stesso sulle novità e le decisioni prese relativamente al futuro e alla gestione dell'ospedale di Sondrio, soprattutto, e della sanità provinciale, affinché i consiglieri stessi (tra cui anche tre medici) possano esprimere un giudizio e dare un feedback al primo cittadino affinché quest'ultimo si faccia portavoce nelle sedi opportune delle istanze del capoluogo e dei suoi cittadini e provi anche in qualche modo a indirizzare le scelte, pur non avendo in tel senso un potere "diretto".

"Sono impegni che mi sento di prendere - ha infatti sottlineato Scaramellini - e decideremo insieme come organizzarci, cioè se relazionare nell'apposita commissione o attraverso la costituzione di un tavolo tecnico. La mozione è positiva e condivisa e credo possa aiutarci nel percorso di miglioramento della situazione",

"Il senso della mozione - aveva già in precedenza puntualizzato proprio il consigliere Spolini - non è quello di entrare nel merito delle scelte che si fanno, da di esserne, almeno, informati. In tal caso, allora si può parlare delle scelte stesse ed esprimere un parere e un giudizio. Le criticità che già erano state illustrate nel consiglo comunale di luglio sono tuttora presenti e se ne sono aggiunte delle altre. Il sindaco Scaramellini proprio a luglio si era già dimostrato "aperto" su questa tematica. Il primo cittadino del capoluogo ha un peso politico almeno per esprimere dubbi su certe scelte".

"Le problematiche della sanità e dell'ospedale di Sondrio toccano ognuno di noi - così aveva proseguito Spolini -. Due anni fa è stato chiuso il reparto di Geriatria, l'unico in provincia, scelta strategicamente da discutere, contestualmente all'apertura di un reparto per sub-acuti a Morbegno. Mancano medici, ma manca, soprattutto, progettualità e per questo proprio i medici non vengono in provincia; la chirurgia cardio-vascolare nel weekend non è disponibile. La mia richiesta è quella di istituire un tavolo tecnico o che, a cadenza prefissata, si discuta in commissione sulle scelte che vengono prese in materia. Sussistono problematiche imbarazzanti e la mia mozione vuole far sì che si eviti ciò che al momento, anche da medico, mi pare invece inevitabile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sondrio, un tavolo tecnico per informare e vigilare su ospedale e sanità

SondrioToday è in caricamento