rotate-mobile
Domenica, 2 Ottobre 2022
Sistema più efficiente

Sondrio, nuove telecamere per la videosorveglianza in diverse zone della città

Si introdurrà anche la fibra ottica per i collegamenti in sostituzione dei ponti radio

Rafforzare ed estendere il sistema di videosorveglianza per migliorare ulteriormente il controllo del territorio e per garantire la sicurezza dei cittadini: è l'obiettivo dell'amministrazione comunale che due anni fa ha commissionato una verifica generale dell'impianto e sulla base degli esiti ha definito un progetto di potenziamento, del costo di 500 mila euro, per la cui realizzazione si stanno individuando le fonti di finanziamento.

L'implementazione dell'attuale sistema punta a trasformare i collegamenti delle telecamere da ponte radio a fibra ottica, a integrare zone attualmente non coperte e a rafforzare il controllo di altre. In particolare, verrebbero installate telecamere di controllo nelle frazioni, in piazza Garibaldi e nei parchi cittadini. "Teniamo molto a questo progetto per potenziare la rete di controllo sulla città e sulle frazioni: - spiega il sindaco Marco Scaramellini - la videosorveglianza rappresenta uno strumento fondamentale per garantire la sicurezza dei cittadini e allo stesso tempo agisce in maniera preventiva e repressiva nei confronti dei malintenzionati. La presenza di telecamere aumenta la percezione di sicurezza dei cittadini: un aspetto che influisce positivamente sulla qualità della vita. La nostra città da questo punto di vista non presenta particolari criticità ma vogliamo che questa situazione permanga anche in futuro e non possiamo permetterci di sottovalutare i rischi".

Il monitoraggio

L'annuncio arriva a poche ore dal consiglio comunale in cui verrà discussa un'interrogazione relativa proprio alla presenza di telecamere di videosorveglianza in città e al loro effettivo funzionamento. Un documento presentato dai consiglieri del Pd Roberta Songini e Michele Iannotti dopo le segnalazioni di alcuni cittadini che avevano lamentato il mancato funzionamento proprio delle telecamere di videosorveglianza in alcune zone di Sondrio, fatto che aveva impedito agli occhi elettronici di essere utili per accertare l'esatta dinamica di incidenti o per individuare i responsabili di un reato o di un atto di vandalismo.

In effetti, dal monitoraggio effettuato risultano non funzionanti cinque telecamere che, però, verranno presto sostituite e, tra l'altro rappresentano solamente il 3% del totale e sono posizionate in zone coperte da altri apparecchi. In tutto, infatti, a Sondrio sono presenti 157 telecamere e 15 apparati di lettura targhe che fanno sì che ampie porzioni del territorio comunale siano adeguatamente coperte dal sistema di videosorveglianza e consentono di controllare le principali vie di accesso alla città.

Negli anni gli apparecchi più datati sono stati parzialmente sostituiti in passato. Il problema maggiore dell'intero sistema è rappresentato, invece, come evidenziato dallo studio, dal collegamento mediante ponti radio che causa inconvenienti nelle trasmissioni per le interferenze fra segnali che si sovrappongono. Al primo punto del nuovo progetto figura proprio l'introduzione della fibra ottica a vantaggio della stabilità dei sistemi e della qualità nella trasmissione delle immagini. Il nuovo impianto di videosorveglianza installato di recente alla Piastra si avvale di un sistema di collegamento integralmente in fibra ottica.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sondrio, nuove telecamere per la videosorveglianza in diverse zone della città

SondrioToday è in caricamento