rotate-mobile
Domenica, 25 Settembre 2022
Risorse da reperire

Bocciodromo di Sondrio: per la manutenzione il Comune aspetta i fondi

Si tratta di interventi costosi che verranno realizzati a fasi o comunque attraverso fondi ottenuti tramite la partecipazione a bandi come ha spiegato, nel corso dell'ultimo consiglio comunale, l'assessore allo sport Michele Diasio

Non sembrano essere una priorità dell'amministrazione comunale, gli interventi di manutenzione straordinaria  necessari al Bocciodromo di Sondrio dove il soffitto è ampiamente rovinato e le vetrate sono piene di crepe, come evidenziato dai consiglieri Donatella Di Zinno e Francesco Bettinelli (Sondrio Democratica) in un'interrogazione presentata nel corso della seduta dell'ultimo consiglio comunale.

Gli interventi stessi sono infatti, costosi e verranno realizzati a fasi, a meno dell'ottenimento di fondi ottenuti tramite la partecipazione a bandi che accelerino il processo.

Comunicazione carente

Lo ha spiegato, rispondendo proprio all'interrogazione, l'assessore allo sport Michele Diasio che ha anche evidenziato come "il gestore dell'impianto non ha mai interlocuito con il Comune e anche le associazioni sportive che utilizzano la struttura hanno parlato con noi solo attraverso il tramite della Federazione, e non direttamente, peraltro riportando priorità diverse da quelle indicate nell'interrogazione, e cioè l'abbattimento delle barriere architettoniche" [anche questa questione, per la verità, era stata evidenziata dai firmatari dell'interrogazione stessa n.d.a.]

"Le somme necessarie comunque non sono moderate: - ha proseguito Diasio - solamente per sostituire i vetri servono tra i 100 e i 150 mila euro. Quindi provvederemo a realizzare gli interventi in fasi cercando anche fondi attraverso la partecipazione a bandi. Tutto questo senza dimenticare che già nel 2019 e nel 2020, comunque, è avvenuta la posa di una nuova guaina in ardesia e sono stati realizzati lavori sulla copertura, mentre si sarebbe potuto incidere maggiormente su questo impianto attraverso il "Bando periferie", cosa che, invece, non è stata fatta".

Mancata soddisfazione

Una risposta che non ha soddisfatto Donatella Di Zinno, una delle due firmatarie dell'interrogazione presentata da Sondrio Democratica: "Le risorse possono essere trovate, - ha ribattuto la consigliera - ma in realtà è una scelta che non vuole essere fatta. Bisognerebbe mantenere in buone condizioni le strutture già esistenti, piuttosto che pensare a realizzarne delle altre".

Per errore nella prima stesura dell'articolo abbiamo indicato come assessore che aveva risposto all'interrogazione quello ai lavori pubblici Andrea Massera. Come ora riportato, invece, la risposta è stata affidata all'assessore allo sport Michele Diasio. Ci scusiamo con i diretti interessati e con i nostri lettori.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bocciodromo di Sondrio: per la manutenzione il Comune aspetta i fondi

SondrioToday è in caricamento