menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Martina Simonini candidata per Liberi e Uguali

La Simonini è conosciuta in provincia di Sondrio soprattutto per le battaglie per l’acqua pubblica

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il comunicato stampa a firma di "Liberi e Uguali" della Provincia di Sondrio relativo alla candidatura alla Camera nel collegio di Sondrio di Martina Simonini.

"E' appena arrivata la conferma ufficiale della candidatura di Martina e la annunciamo con grande felicità e orgoglio!

La consideriamo al momento l'unica novità significativa di queste elezioni politiche per la nostra provincia, in un panorama dominato da figure in gran parte maschili, da ricandidature scontate e già vecchie se non anagraficamente almeno politicamente!

    Martina è diversa, Martina è davvero un'alternativa!

Un'alternativa chiara all'astensione e alla disillusione che attraversa soprattutto l'elettorato giovane.

Un'alternativa netta nei confronti delle peggiori destre, considerate vincenti nel profondo nord.

Un'alternativa di esperienza e concretezza rispetto ai movimenti di protesta ambigui e interclassisti.

Un'alternativa coerente per chi vuole ripartire da una sinistra rigorosa, per ricostruire una dignità del pubblico, in tutti i campi.

    Più di tante parole è la sua storia che rappresenta plasticamente queste caratteristiche.

Martina è conosciuta negli ultimi anni, in provincia di Sondrio e non solo, soprattutto per le battaglie per l'acqua pubblica: dal vittorioso referendum del 2011 contro la privatizzazione, alla lunga diatriba sul Servizio Idrico nei confronti di Secam, Provincia e Ufficio d'Ambito, con una petizione firmata da 7000 persone, una class action ed il recente ricorso al Tar appoggiato da diverse centinaia di utenti. Battaglie frutto di un lavoro collettivo e senza alcun "cappello politico", nelle quali l'impegno di Martina è sempre stato umile, tenace, trascinante!

    Ma bisogna ricordare anche il suo testardo impegno come Sindaco di Piateda dal 2004 al 2009 nel rivendicare e ottenere i giusti compensi economici pubblici dalle società idroelettriche che spesso e volentieri prosciugano fiumi e torrenti delle nostre valli trasformando l'acqua in denaro liquido e lasciandone sul territorio soltanto qualche goccia!

    Tuttavia Martina non è "solo acqua". Come spesso succede alle donne (molto meno ai maschi) sa fare molte cose diverse insieme. Per esempio è stata presidente della Biblioteca di Piateda dalla fondazione al 1989, ha partecipato a concorsi letterari e pubblicato racconti, ha tenuto dal 2009 al 2015 una rubrica sul mensile "il Gazetin" di Morbegno, fa parte del Gastellina, dell'associazione culturale "'l Ghirù", eccetera...

    Lasciamo volutamente per ultimo il "curriculum politico" di Martina Simonini, proprio perchè riteniamo la sua una figura trasversale nel miglior significato del termine: talmente chiara e limpida (come l'acqua, appunto) da poter parlare a tutte le cittadine e a tutti i cittadini-elettori, senza ambiguità, con la tranquillità di chi sa riconoscere dove sta l'interesse dei molti (e lì è la sua e la nostra parte) e dove l'interesse dei pochi (e lì stanno i suoi ed i nostri avversari).

Martina è nata giovanissima alla politica, entrando nella Fgci e poi nel Pci, seguendone poi le evoluzioni fino al Partito Democratico, dal quale è uscita nel 2015 insieme a Pippo Civati, con il quale ha condiviso la nascita e questi due anni di esperienza di Possibile, fino ad approdare ora alla lista unitaria di Liberi e Uguali".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento