rotate-mobile
tanti dubbi

Ritardi nelle infrastrutture olimpiche, il Pd: "La Lega chiarisca"

Per i Dem la posizione del Carroccio sul dossier Aci Lombardia sulla realizzazione delle opere 2026 è controversa. Le parole del segretario provinciale Iannotti

Partito Democratico all'attacco della Lega sulle tempistiche per la realizzazione delle opere olimpiche. Con una risposta ad un’interrogazione presentata dal capogruppo del Pd in Regione Lombardia Fabio Pizzul, il sottosegretario allo Sport Antonio Rossi, afferma di non conoscere i contenuti del Dossier Aci Lombardia dal quale si evince che solo una parte delle infrastrutture previste per le Olimpiadi 2026 - il 25% di quelle viarie e il 50% di quelle ferroviarie - verranno realizzate entro la data di inizio dei Giochi, e anzi dichiarando, al tempo stesso, che i tempi previsti per la realizzazione delle opere saranno rispettati. 

"Anche se lo studio dell’Aci non è arrivato formalmente in Regione possiamo considerarlo pubblico - dichiara il segretario provinciale del Pd, Michele Iannotti -, in quanto è stato oggetto di dibattito, più volte durante lo scorso mese di maggio, sia sui media provinciali che regionali. Lo stesso vice-ministro leghista alle Infrastrutture e Mobilità sostenibili con delega alle Olimpiadi 2026 Milano-Cortina, Alessandro Morelli, ha dichiarato pubblicamente di conoscerne i contenuti, confermando le criticità emerse, legate soprattutto ai ritardi nella realizzazione delle opere".

"Verrebbe da suggerire ai due leghisti di parlarsi - sostiene il segretario Dem - e magari anche di confrontarsi; è l’ennesimo segnale che  il filotto della rappresentanza istituzionale leghista a Roma e a Milano non funziona".

Se questo non bastasse pochi giorni fa, il grido di allarme sui ritardi relativi alla realizzazione di queste infrastrutture, pur senza citare lo studio di Aci,  è partito anche dal deputato leghista Ugo Parolo, che ne ha parlato nel corso dell’assemblea di Confartigianato Sondrio.

"Chiediamo che si faccia chiarezza,  al più presto attorno ai termini di realizzazione di queste opere -  incalza Iannotti -; lo chiede soprattutto il territorio che ad oggi ha informazioni controverse. Nel frattempo, bene ha fatto il gruppo consigliare  regionale del Pd a chiedere l’audizione in commissione di una delegazione dell’Aci Sondrio per discutere ed approfondire il dossier in questione perché, al di là del ruolo del Commissario nominato dal Governo, per la gestione di  alcune delle opere infrastrutturali previste, è Regione Lombardia  ad avere in mano la regia politica e tecnica degli interventi. Una regia - conclude Iannotti -che, purtroppo, non ha mai assunto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ritardi nelle infrastrutture olimpiche, il Pd: "La Lega chiarisca"

SondrioToday è in caricamento