Province: da Sertori apprezzamento per le scelte del Governo

L'assessore regionale: «É tempo di una politica seria: bene che si cerchi di mettere finalmente mano a un disastro provocato dal Partito Democratico di Renzi»

Oramai è cosa nota, l’Assessore con delega agli  Enti locali, Montagna e Piccoli Comuni, Massimo Sertori, crede fermamente nel valore delle Province, vera Istituzione dei territorio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Il re é nudo. La tanto acclamata riforma Renzi-Delrio sulle Province ha avuto come unico effetto quello di mettere a repentaglio la manutenzione di strade, ponti, viadotti, gallerie e scuole provinciali, togliendo personale e competenze alle Province ma moltiplicandone i costi. É tempo di una politica seria e di scelte coraggiose: ben venga che un governo responsabile come quello attuale cerchi di mettere finalmente mano a una disastro provocato dal Partito Democratico di Renzi» ha commentato l’annuncio del Ministro dell’Interno Matteo Salvini di inserire nella prossima legge di bilancio un piano di 6 miliardi a favore delle piccole opere provinciali.

«Le Province italiane - ha continuato Sertori - gestiscono 5700 scuole superiori, 130 mila km di strade provinciali e 40 mila ponti. Ebbene, togliere risorse, personale e competenze a questo Ente ha messo in difficoltà tutto il Paese e non ha fatto risparmiare nulla ai cittadini. Gli investimenti pubblici, se fatti in tempi celeri, hanno riscontri positivi e non é più tempo di fare della demagogia: con le finanziarie di Renzi i tributi provinciali, che non hanno mai smesso di pagare i cittadini, non restano sul territorio per le strade e le scuole, ma sono risucchiati dallo stato centrale. E’ quindi necessario portare le cose alla giusta misura e le risorse devono rimanere in Provincia o sui territori».

Inoltre l’assessore Sertori ha ribadito la necessità di ridare dignità a questo Ente che è anche di rappresentanza dei territori: «encomiabile é il lavoro straordinario e di assoluto volontariato fatto dai presidenti delle province che, in questi anni scellerati, hanno assunto delle responsabilità incredibili. Se non hai risorse per mantenere le scuole e le strade, in caso di incidenti (come ad esempio quelli causati da buche o dovuti al crollo di soffitti) la responsabilità civile é del rappresentante legale dell’ente Provincia, ovvero del Presidente, che qualcuno ha deciso si assumesse gratuitamente questi oneri, pur avendogli sottratto i soldi».

«Il 18 luglio, a Roma, é previsto in un convegno per approfondire il tema sulla inefficienza della gestione dei servizi pubblici e continuare con tenacia a semplificare il Paese, migliorare i servizi, presidiare il territorio», ha concluso Sertori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal primo luglio aumenti in busta paga: quanti euro in più e a chi spettano? La tabella

  • Perde la vita cadendo per 150 metri, il padre raggiunge il corpo e lo veglia tutta la notte

  • Tirano piange il suo giovane campione di poker Matteo Mutti

  • Tragedia a Berbenno, 42enne stroncato da malore a Prato Maslino

  • Uomo trovato senza vita sul sentiero della Val Codera

  • Coronavirus, settimana negativa al Morelli di Sondalo

Torna su
SondrioToday è in caricamento