Giovedì, 21 Ottobre 2021

Pd, torna la festa provinciale de L'Unità: il saluto di Enrico Letta

Alla Festa provinciale de L'Unità è stata rilanciata con decisione la proposta di riforma della legge Delrio. La battuta del segretario nazionale: "L'anno prossimo se metterete una buona bottiglia di Sfursat sul tavolo, ci sarò". Il video

Dopo cinque anni d'assenza è tornata nei giorni scorsi in Valtellina la Festa de L'Unità, organizzata dal Partito Democratico del segretario provinciale Michele Iannotti. Un momento di confronto bipartisan, accolto con piacere dal mondo politico provinciale e non solo. Tra i messaggi di soddisfazione spicca certamente quello di Enrico Letta, segretario nazionale PD: "Sono veramente felice che si riparta con la festa in provincia di Sondrio e che si riprendano quei contenuti emersi nel mese di agosto durante una bellissima "agorà" sul tema della Montagna".

"In bocca al lupo per questa fantastica festa. Non potrò esserci quest’anno ma prometto che l’anno prossimo, se metterete una buona bottiglia di Sfursat sul tavolo, ci sarò" ha concluso scherzosamente Letta.

Prima giornata di dibattiti

Lungo la prima giornata di confronto, organizzata sabato 25 settembre, si è lungamente dibattuto sulla riforma delle legge Delrio, sul quale i partecipanti hanno condiviso un'opinione comune. "Il presidente della Provincia sia eletto direttamente dai cittadini affinchè l'ente torni ad avere un ruolo forte e autorevole all'interno dello scacchiere politico e amministrativo" è stato il coro unanime. 

Seppur la legge Delrio non sia completamente da smantellare (in tanti ne hanno riconosiuto il merito di aver riconososciuto per la prima volta la specificità di tre province montane), è parso evidente perfezionarla. Come ha sottolineato Roger De Menech, parlamentare e primo firmatario della proposta di legge di riforma della Delrio "se la Provincia diventa il punto focale, allora da lì si passa per tutto".

"L'attuale governance - ha fatto eco il presidente della Provincia Elio Moretti - ha dei limiti mostruosi. Io lo provo tutti i giorni sulla mia pelle. In assenza della giunta, il presidente, che peraltro non ha l'autorevolezza che solo l'elezione diretta gli può conferire, è l'unico interlocutore per tutti gli uffici. Significa doversi occupare di tutto".

Le risorse idriche

Un altro appello che si è levato da la Festa de L'Unità è stato quello relativo alle risorse del demanio idrico. L'obiettivo è far sì che questi soldi vengano versati direttamente nelle casse locali. Vale la pena di ricordare che, sono in arrivo dai canoni idrici 23,5 milioni di euro il cui riparto però è stato deciso dalla giunta regionale lombarda.

In tal senso, il senatore leghista Ugo Parolo, anche lui presente alla festa, ha evidenziato come non venga attuata la legge regionale del 2015 che prevede per il presidente della Provincia di partecipare alle sedute della giunta regionale e convocare il comitato paritetico per la formazione delle leggi. 

Seconda giornata

Oggi, sabato 2 ottobre 2021, la seconda giornata della festa targata Pd. Presso la Club House del Rugby in Piazzale Fojanini a Sondrio, a partire dalle ore 17,30, si terrà una serata di confronto e convivialità. Prima un approfondimento sul tanto dibattuto tema dei collegamenti ferroviari da e per Milano, poi, prima di cena e concerto (a suonare il duo "La Compagnia Solidale"), verranno presentate quelle "Agorà democratiche" tanto care proprio ad Enrico Letta.

Nel pieno rispetto delle norme anti Covid, la Festa sarà accessibile soltanto ai possessori di Green pass.

FESTA DELL'UNITA' sett ott 2021-2

Sullo stesso argomento

Video popolari

Pd, torna la festa provinciale de L'Unità: il saluto di Enrico Letta

SondrioToday è in caricamento