rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Politica

Il Comitato del Nord non si candida alle elezioni regionali: "Bossiani mai contro la Lega"

I dissidenti hanno preso atto del no secco di Salvini a una lista separata dalla Lega in sostegno a Fontana

I dissidenti della Lega non si candideranno alle elezioni regionali del 12 e 13 febbraio 2023, né con una lista autonoma in sostegno al governatore uscente Attilio Fontana, né tantomeno a livello personale nella coalizione di centro che sostiene Letizia Moratti. Dopo giorni di voci di corridoio è arrivata la decisione definitiva. Vince, quindi, la linea che ha sempre tenuto Umberto Bossi, fondatore della Lega e ispiratore di quel Comitato del Nord che vorrebbe riportare il movimento alla vocazione originaria, sulla strada dell'autonomia e del federalismo. Bossi aveva sempre detto di non volere essere antagonista della Lega.

Venerdì mattina la decisione definitiva, attraverso un comunicato redatto da Antonello Formenti, Massimiliano Bastoni, Roberto Mura e Federico Lena, i quattro consiglieri regionali del gruppo Comitato del Nord, espulsi dalla Lega nelle scorse settimane. "La decisione di non candidarci - spiegano - nasce dal fatto che non ci sarà una lista del Comitato del Nord alle prossime elezioni regionali, data l'impossibilità del Comitato di presentarsi a sostegno del governatore uscente Attilio Fontana".

"Questa - aggiungono - è la volontà di Bossi e noi la rispettiamo fino in fondo così come abbiamo sempre rispettato la linea del fondatore della Lega. Potremmo percorrere altre strade e candidarci sotto altre bandiere ma è un'ipotesi che abbiamo deciso di scartare in quanto non sarebbe coerente con la nostra storia politica". No, dunque, a 'salti di schieramento' verso Letizia Moratti e la sua lista civica, che peraltro già accoglie ex leghisti come Davide Boni ed ex consiglieri regionali della Lista Maroni come Luca Ferrazzi e Marco Tizzoni.

Gli incontri tra Bossi e Fontana

Il 20 dicembre, Umberto Bossi si era recato al Pirellone per incontrare Attilio Fontana alla presenza di Angelo Ciocca, eurodeputato e animatore del Comitato del Nord, e dei quattro consiglieri 'ribelli'. In quella occasione Bossi aveva proposto a Fontana di formare una lista del Comitato del Nord in suo sostegno nel centrodestra. Ma Matteo Salvini, leader della Lega, aveva chiuso totalmente a quella possibilità, forse anche per impedire ai dissidenti di 'contarsi' dal punto di vista elettorale. Nonostante altri incontri successivi, la linea della segreteria federale della Lega non è cambiata e quindi, in concomitanza con la presentazione ufficiale delle liste in Corte d'Appello (prevista per venerdì 13 e sabato 14 gennaio), la decisione di non candidarsi diventa definitiva. In attesa del congresso della Lega.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comitato del Nord non si candida alle elezioni regionali: "Bossiani mai contro la Lega"

SondrioToday è in caricamento