rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Fastidioso disagio / Tirano

La sala d'attesa apre troppo tardi, pendolari costretti ad aspettare al freddo

La denuncia della Cisl trasporti, relativa alla stazione ferroviaria di Tirano, dopo varie segnalazioni ricevute

Costretti ad aspettare il treno all'aperto, di prima mattina in pieno inverno, visto che la sala d'attesa apre solo alle 8,30: è quanto accade a studenti, lavoratori e pendolari alla stazione di Tirano, secondo una serie di segnalazioni raccolte dal settore trasporti della Cisl di Sondrio.

"E' una situazione alquanto singolare quella della stazione di Tirano - ha evidenziato il referente del settore trasporti della Cisl di Sondrio Michele Fedele -.La sala d'attesa c'è sin dal 2019, è ampia e confortevole, dotata di videosorveglianza e anche di distributore automatico di biglietti, ma non è utilizzabile dalla maggior parte dei viaggiatori e, soprattutto, negli orari di maggiore bisogno. Apre solo alle 8,30, cioè, quando tutti i pendolari hanno già lasciato la stazione e le temperature sono più accettabili. 

La richiesta

"I pendolari, ipotizzando che la chiusura, soprattutto mattutina, dipenda dalla carenza di personale, chiedono una soluzione pratica e rivolgono in tal senso un appello a Rfi e cioè di dotare la sala di un sistema automatico di apertura, che, in tal modo, non sarebbe subordinata all'impiego di un dipendente, facendo si che questo servizio possa essere utilizzato da chi effettivamente ne ha bisogno e sia esteso agli effettivi orari di servizio del sistema di trasporto pubblico (treno e autobus) - ha proseguito Fedele -. I pendolari, infine, fanno notare che, oggi, l'orario di apertura della sala di attesa, dalle 8,30 alle 19,30, sia un orario da ufficio e non da servizio ferroviario".    

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La sala d'attesa apre troppo tardi, pendolari costretti ad aspettare al freddo

SondrioToday è in caricamento