rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Giovani e territorio

Sondrio, il 10 dicembre torna il premio dedicato a Lisa Garbellini

A Palazzo Muzio, prima delle premiazioni delle tesi dei neolaureati, una Giornata di studi dedicata al tema dell'associazione fondiaria

Ricordare Lisa, valorizzare la ricerca e premiare i giovani: con questi tre obiettivi tornano venerdì 10 dicembre dalle 9 alle 12,30 a Palazzo Muzio, la Giornata di Studi e il Premio di laurea in ricordo di Lisa Garbellini, giovane sondriese scomparsa alcuni anni fa a causa di un tragico incidente stradale.

Tema attuale

Il 10 dicembre, nel corso della Giornata di Studi, giunta alla sua nona edizione, si parlerà di associazioni fondiarie, il nuovo istituto giuridico introdotto da Regione Lombardia e per il quale proprio l'ente regionale ha appena chiuso un bando che verrà presentato a palazzo Muzio. 

Dopo i saluti istituzionali, ci sarà spazio per la relazione di Francesco Brignone, dirigente della Direzione generale agricoltura di Regione Lombardia. Seguirà una tavola rotonda, moderata da Bruno Di Giacomo Russo, direttore dell'Osservatorio sulla Valtellina, in cui sul tema delle associazioni fondiarie interverranno la già citata Simona Pedrazzi, il sindaco di Piuro Omar Iacomella, Marco Da Prada, delegato dell’associazione fondiaria di Grosotto, Antonio Tagliaferri, dirigente Erasf, e Silvia Angelini, delegato dell’associazione fondiaria “Val Corta” di Val Tartano.

Il premio

Arriverà poi il momento della proclamazione dei vincitori del Premio di laurea Lisa Garbellini: nove gli studenti in lizza, tutti autori di tesi che, seppur su discipline diverse, hanno tutte il comune denominatore di approfondire temi inerenti alla Valtellina e alla Valchiavenna.

Alla manifestazione, organizzata dall'Osservatorio sulla Valtellina insieme all'associazione Spazio Comune e a Ersaf, parteciperanno anche gli studenti delle classi quinte dell'Istituto Pinchetti di Tirano e quelle dell'Istituto agrario di Sondrio.

Tutela del territorio

"Le associazioni fondiarie - ha evidenziato il consigliere regionale Simona Pedrazzi - permette di superare l’annoso problema del frazionamento dei terreni e volge lo sguardo al mantenimento del territorio. In provincia si è già registrato un grande riscontro e ora è stato appena chiuso un bando regionale per dare anche quel supporto che, finora, è un po' mancato". "Si tratta di un istituto giuridico - ha fatto eco Bruno Di Giacomo Russo, direttore dell’Osservatorio sulla Valtellina - introdotto anche per contrastare lo spopolamento delle terre alte. Speriamo che la giornata di studi possa stuzzicare i giovani e stimolare il loro attaccamento verso il territorio".

"Anche quest’anno Ersaf - ha spiegato Michela Fioroni, rappresentante proprio dell’ente - mette a disposizione due premi. Tra l’altro abbiamo appena formalizzato la prosecuzione del nostro impegno a fianco dell’Osservatorio sulla Valtellina in ricordo di Lisa anche per i prossimi cinque anni".

"Fa impressione - ha invece sottolineato Francesco Garbellini, fratello di Lisa - pensare di essere già alla nona edizione della giornata di studi e del premio. Da un lato significa che è già passato tanto tempo, dall’altro ci fa sentire meno lungo il distacco da Lisa. Anche grazie a iniziative come questa la teniamo qui con noi e ciò è molto significativo per la nostra famiglia".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sondrio, il 10 dicembre torna il premio dedicato a Lisa Garbellini

SondrioToday è in caricamento