rotate-mobile
Venerdì, 27 Maggio 2022
Scuole più accoglienti e sicure

Quattro nuovi asili nido comunali in provincia di Sondrio

Approvato l'elenco dei progetti ammessi a ricevere i fondi del Pnrr per l'edilizia scolastica: le strutture saranno realizzate a Traona, Dubino, Talamona e Mazzo di Valtellina

Regione Lombardia ha approvato le graduatorie dei progetti che costituiscono l'Elenco del fabbisogno regionale per l'edilizia scolastica, finalizzato a valorizzare i progetti di Comuni, Città Metropolitana e Province lombarde all'interno dei bandi PNRR emanati dal Ministero dell'Istruzione.

Gli asili nido

Sono tre le tipologie d'intervento per cui le graduatorie sono approvate e la prima riguarda progetti di costruzione, riqualificazione e messa in sicurezza degli asili nido (fascia 0-2 anni), al fine di migliorare l'offerta educativa sin dalla prima infanzia e offrire un concreto aiuto alle famiglie, incoraggiando la partecipazione delle donne al mercato del lavoro e la conciliazione tra vita familiare e professionale.

Per quanto riguarda la provincia di Sondrio sono quattro i progetti in graduatoria, per quattro nuovi asili nido: a Traona (spesa ammissibile 1,2 milioni di euro); a Talamona (706.000 euro); a Dubino (1.034.800 euro); e a Mazzo di Valtellina (180.880 euro) 

I progetti ammessi da Regione Lombardia, che sono presenti nell'elenco, se parteciperanno al bando PNRR su asili nidi emanato dal Ministero dell'Istruzione vedranno riconosciuto un punteggio aggiuntivo di 10 punti nel corso della valutazione delle candidature, che sarà effettuata dal Ministero dell'Istruzione.

Le mense scolastiche

Il secondo elenco riguarda progetti di costruzione, messa in sicurezza e ristrutturazione di spazi adibiti a mense scolastiche. Per quanto riguarda il territorio di Valtellina e Valchiavenna gli interventi ammessi sono quelli di Campodolcino, per la realizzazione di una nuova mensa (631 mila euro); Piantedo, dove verrà sistemato il primo piano dell'edificio che ospita la scuola primaria sempre per realizzare una mensa (350 mila euro); Morbegno, dove verrà eseguito un intervento di ampliamento e riqualificazione della mensa della scuola dell'infanzia "Girasole" (420 mila euro); Piateda, per lavori di riqualificazione dell'edificio adibito a palestra, sala polifunzionale e magazzino e per la realizzazione di una nuova mensa (1,1 milioni di euro); Talamona, dove verrà realizzato un nuovo edificio da adibire a mensa scolastica all'interno del campus scolastico (3 milioni di euro); Berbenno, dove verrà recuperato il sottotetto esistente per realizzare una nuova mensa e una cucina e dove si creerà un sopralzo per la mensa della scuola secondaria di primo grado (nel complesso 1,05 milioni di euro); Dubino, dove verrà realizzata una mensa per la scuola primaria di Nuova Olonio (782 mila euro); e Teglio, dove si creerà un centro di cottura centralizzato, localizzato nel plesso di Valgella (495 mila euro); 

Anche in questo caso, come per gli asili nido, i progetti ammessi da Regione Lombardia, se parteciperanno al bando PNRR sulle mense emanato dal Ministero dell'Istruzione vedranno riconosciuto un punteggio aggiuntivo di 10 punti nel corso della valutazione delle candidature, che sarà effettuata dal Ministero dell'Istruzione.

Gli altri interventi

Il terzo elenco riguarda gli Interventi di messa in sicurezza e riqualificazione delle scuole. In questo caso, la graduatoria è ordinata in base al livello progettuale e all'ordine cronologico delle proposte di intervento ritenute ammissibili. Questo elenco è stato inviato da Regione Lombardia agli uffici competenti del Ministero dell'Istruzione, suddiviso tra interventi delle Province e dei Comuni. Il Ministero potrà, così, poi procedere alla scelta e all'assegnazione dei finanziamenti dei progetti in posizione utile in graduatoria, in base alle risorse assegnate al territorio della Lombardia, pari a euro 68.839.045,80, di cui il 30% (20.651.713,50 euro) è riservata agli interventi presentati dalle Province.

Gli elenchi per Province e per Comuni relativi agli interventi di messa in sicurezza e riqualificazione delle scuole riportano, quindi, una graduatoria che vede gli interventi in posizione utile per un finanziamento totale o parziale da parte del Ministero sulla base delle risorse stanziate per il territorio della Lombardia. Inoltre, l'elenco in scorrimento può permettere al Ministero di operare anche ulteriori valutazioni e finanziamenti rispetto alla graduatoria proposta. Sarà, infatti, il Ministero a finanziare gli interventi che Regione Lombardia ha individuato in questa graduatoria.

Per quanto riguarda la provincia di Sondrio, sono stati ammessi, nell'elenco riservato ai Comuni, gli interventi a Cosio, per l'adeguamento sismico e la riqualificazione della scuola dell'infanzia di Regoledo (1,3 milioni di euro); Grosio, per la demolizione e ricostruzione della scuola media (5,4 milioni di euro) che dovrebbero essere gli unici a essere in posizione utile in graduatoria in base proprio alle risorse assegnate a Regione Lombardia.

Anche altri interventi di edilizia scolastica in provincia di Sondrio fanno parte dell'elenco di quelli ammessi da Regione Lombardia e possono essere consultati a questo link.

Qui, invece, possono essere consultati gli interventi ammessi nell'elenco per Province in cui compaiono tre progetti relativi al territorio di Valtellina e Valchiavenna.

Tema importante

"Questa risposta da parte del territorio - ha dichiarato l'assessore regionale all'Istruzione, Università, Ricerca, Innovazione e Semplificazione Fabrizio Sala - testimonia quanto sia importante il tema dell'edilizia scolastica. Mette inoltre in luce l'importanza di agire in un'ottica di sistema. Abbiamo attivato questa manifestazione di interesse per moltiplicare le opportunità per le nostre Amministrazioni locali e per garantire una coerenza di programma indispensabile affinché le risorse del Pnrr possano portare un effettivo valore aggiunto ai territori e ai cittadini lombardi".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quattro nuovi asili nido comunali in provincia di Sondrio

SondrioToday è in caricamento