rotate-mobile
Tra continuità e rinnovamento / Morbegno

Morbegno in cantina: tutto quello che c'è da sapere sull'edizione 2023

Tre weekend, cinque percorsi di degustazione e molto altro

Ventiquattro cantine, cinque itinerari e trenta vini diversi in degustazione: la nuova Morbegno in Cantina, l'evento del Comune di Morbegno che ne ha affidato l'organizzazione al Consorzio Turistico Porte di Valtellina, riparte dall'abbinamento tra cultura ed enogastronomia. Un evento particolarmente apprezzato del quale si sentiva la mancanza, dopo gli anni della pandemia e delle misure restrittive che non avevano reso possibile l'organizzazione.

Il ritorno corrisponde a un nuovo inizio per una Morbegno in Cantina che punta sulla qualità della proposta, a partire dai giri per arrivare agli assaggi e ai vini valtellinesi, fino agli eventi collaterali. La manifestazione è stata presentata oggi nella Sala Boffi, nel chiostro dell'ex Convento di Sant'Antonio. "Le cantine sono uno dei patrimoni più antichi della città - ha esordito il sindaco Alberto Gavazzi -, rappresentano l'anima di Morbegno, e vengono messe a disposizione di chi verrà a visitarle. Il valore di questa manifestazione è storico, culturale ed enologico: dalle cantine allo straordinario paesaggio dei terrazzamenti che connota il nostro territorio. L'impegno è notevole dal punto di vista organizzativo e ringrazio tutte le persone che stanno lavorando per la buona riuscita".

"Sono veramente orgogliosa di essere qui per questa ripartenza - ha aggiunto la vicesindaco Maria Cristina Bertarelli -: vogliamo che diventi un'icona per la promozione del nostro territorio. L'obiettivo che ci siamo posti è di riqualificare l'evento in una logica di marketing turistico con effetti promozionali per Morbegno e per l'intero comprensorio e una ricaduta positiva sulle attività commerciali e ricettive".

Un programma sotto il segno delle novità ma con la continuità rappresentata dal coinvolgimento delle associazioni cittadine, 24 in totale, nella gestione delle cantine. L'organizzazione è stata affidata al Consorzio Turistico Porte di Valtellina, che ha recepito indicazioni e aspirazioni del Comune di Morbegno, con la collaborazione di Simona Nava di Sviluppo Creativo. È toccato al presidente Simone Songini illustrare i contenuti: percorsi da affrontare con lo spirito della scoperta, con il desiderio di immergersi in una città, per conoscerla nel profondo, a partire proprio dai luoghi sotterranei, attraverso i vini e gli altri prodotti tipici. "Abbiamo introdotto novità importanti - ha precisato - prestando particolare attenzione all'offerta enogastronomica e limitando i numeri rispetto alle edizioni precedenti. Morbegno in Cantina è un evento molto importante per l'intera Bassa Valtellina, in grado di valorizzare Morbegno e i territori limitrofi".

I giri sono in totale cinque ma quello speciale sarà proposto solo nella serata di venerdì 6 ottobre. Gli altri quattro sono in programma nei tre weekend della manifestazione, sabato 30 settembre e domenica 1° ottobre, il 7 e l'8 e il 14 e il 15 ottobre, quest'ultimo in concomitanza con la Mostra del Bitto. Le cantine saranno aperte il sabato dalle ore 16 alle ore 22, la domenica dalle ore 11 alle ore 17. Il giro "Rosa" soltanto venerdì 6 ottobre dalle ore 18 alle ore 22. I percorsi si sviluppano tra le vie e le piazze della città da dove si scende nella cantine, ciascuna contrassegnata dal nome e dal numero corrispondente per una mappa chiara e semplice da seguire rispettando l'itinerario sulla brochure oppure sullo smartphone. Su e giù per le cantine, dentro e fuori luoghi aperti al pubblico solo per questa occasione, che si rivelano al visitatore. Tanti assaggi, dall'antipasto al dolce, abbinati a un vino, per esaltare sapori e aromi.

Il tour inizia dopo aver ritirato pass, tasca con calice e posate: una passeggiata nella storia e nella tradizione di un antico borgo nato ai piedi delle Alpi Orobie. Nella gestione delle cantine e nell'accoglienza dei visitatori, i volontari delle associazioni sono affiancati dai sommelier di AIS e Onav, intervenuti alla presentazione con i rispettivi delegati, Elia Bolandrini e Gianluca Palazzo, i quali si sono detti onorati di partecipare per comunicare le loro conoscenze sul vino. La vendita on line dei pass, partita all'inizio di settembre, sta procedendo bene: aumentano di giorno in giorno gli enoturisti che hanno già programmato di partecipare a Morbegno in Cantina tanto da acquistare il pass in anticipo. Si potrà farlo anche nei giorni dell'evento, nei punti vendita presso la casetta in legno allestita in piazza Sant'Antonio e nella sede della Pro Loco Morbegno, nel palazzo dell'ex Pretura, che potranno però chiudere anticipatamente al raggiungimento del numero massimo. I posti sono infatti limitati e il consiglio è di acquistare i pass prima di raggiungere Morbegno. Per ciascun giro le opzioni sono tre: degustazione completa, ridotto analcolico per astemi maggiorenni e ridotto analcolico per minorenni.

I giri

I giri proposti il sabato e la domenica, nei tre weekend di Morbegno in Cantina, sono quattro. Tre sono accomunati da una lista di assaggi, mentre quello denominato "Oro", il più esclusivo, offre un menù completo più ricercato con Tortino di Taroz e bocconcino di polenta e crema di funghi e Spuma di caprino con julienne di Bresaola come antipasto, Risotto Carnaroli mantecato con crema di zucca, Valtellina Casera e crumble di porcini quale primo piatto, Brasato di manzo marinato al vino rosso Valtellina Superiore con purè di sedano rapa, patate e zafferano per secondo, Valtellina Casera e Bitto, un bis di dolci per chiudere con Torta Morbegno e Bisciola. Questo giro si distingue anche per il percorso che inizia da Palazzo Malacrida, dalla stüa alla cantina fino al cortile, per scoprire luoghi che da molti anni erano inaccessibili, per arrivare in piazza Pretorio: sei punti degustazione con il meglio dell'enogastronomia valtellinese. Abbinamenti tra vini e piatti della tradizione per assaggi che riportano al passato esaltando il presente attraverso invitanti rivisitazioni.

Il giro "Rosso" è un omaggio ai grandi vini rossi valtellinesi, il Valtellina Superiore e lo Sforzato: si parte dal chiostro sud, nell'ex convento di Sant'Antonio, per dirigersi verso le vie Garibaldi e San Pietro.

Nel giro denominato "Bolle", con la prima tappa a Sant'Antonio e l'ultima in via Cotta, i prodotti e i piatti tipici sono abbinati ai vini rossi ma anche alle bollicine, a svelare le nuove tendenze dell'enologia valtellinese.

Nel giro "Verde", un'altra delle novità proposte, si scoprono i vini biologici prodotti in Valtellina: si parte da via San Marco per arrivare in via Parravicini. Sei tappe per altrettanti assaggi che nei giri "Rosso", "Bolle" e "Verde" prevedono salumi nostrani, i tradizionali taroz, Valtellina Casera giovane e stagionato, Bitto in due diverse annate, 2022 e 2023, e Torta Morbegno e Bisciola a chiudere. A rendere unici gli assaggi sono gli abbinamenti con i vini valtellinesi, tutti attentamente studiati per esaltare i sapori.

Wine special tour

Il Wine special tour si colora per diventare il giro "Rosa" e sostenere una giusta causa, quella della salute. Speciale per l'offerta, la finalità e per la data nella quale si tiene, venerdì 6 ottobre, per un appuntamento unico, dalle ore 18 alle ore 22. Morbegno in Cantina dedica uno dei suoi percorsi al mese della prevenzione del cancro al seno: un richiamo alle enoturiste in particolare, ma non solo, per ricordare l'importanza dei controlli. Anche per questo giro speciale le cantine sono sei, altrettanti gli assaggi e molti di più i vini, dalle bollicine ai bianchi, dai rossi allo Sforzato. La partecipazione a questo giro consentirà agli organizzatori di devolvere un contributo alla Lilt di Sondrio. Il presidente Salvatore Ambrosi, intervenuto alla presentazione, ha espresso la sua soddisfazione per la partecipazione che consentirà di sensibilizzare sul tema della prevenzione.

Gli eventi collaterali

La nuova Morbegno in Cantina propone due grandi attrazioni per le serate di sabato per intrattenere i partecipanti e chiunque deciderà di raggiungere la città per immergersi nell'atmosfera che solo un grande evento itinerante è in grado di creare. Entrambi gli spettacoli si svolgeranno in piazza Caduti, con inizio alle ore 21. Sabato 30 settembre a risuonare nel centro cittadino saranno le note dei più grandi successi di Michael Jackson nel Tribute show di Stefano MJ Nasini: costumi, luci e coreografie accompagneranno i brani del repertorio del grande cantante americano. Sabato 7 ottobre il protagonista della serata sarà Michele Tomatis, artista poliedrico che si esibirà in "The one man show", cantando, ballando, recitando e coinvolgendo il pubblico.

Le proposte di bar e ristoranti

Sono oltre venti, tra bar e ristoranti, a Morbegno e negli immediati dintorni, gli esercizi pubblici che nei tre weekend di Morbegno in Cantina offriranno menù completi e proposte speciali dalla colazione al pranzo, dall'aperitivo alla cena. Hamburger abbinati ai formaggi locali, ricchi taglieri con selezioni di salumi e formaggi, selvaggina, costine con polenta, dolci al miele, panini e piadine con prodotti tipici valtellinesi, pane di segale, oltre a pizzoccheri, taroz e sciatt, accompagnati da un'ampia selezione di vini locali. Una partecipazione allargata che amplia la proposta di Morbegno in Cantina.

Sul sito internet www.morbegnoincantina.info sono descritti i singoli giri con percorsi e degustazioni ed è possibile acquistare e pagare il pass on line. L'evento viene raccontato attraverso anticipazioni sulle pagine Facebook e Instagram dedicate. Per informazioni ci si può rivolgere al Consorzio Turistico Porte di Valtellina: 0342601140 oppure cantine@portedivaltellina.it.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morbegno in cantina: tutto quello che c'è da sapere sull'edizione 2023

SondrioToday è in caricamento