rotate-mobile
Una settimana dedicata alla cultura

La Milanesiana anche quest'anno torna in Alta Valle

Quattro appuntamenti a Bormio e tre a Livigno: le date e il programma completo

La Milanesiana torna anche quest'anno in Alta Valle con sette serate tra Bormio e Livigno. L'edizione 2024 della rassegna culturale ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi è stata presentata mercoledì scorso al Piccolo Teatro Grassi di Milano: si muove fra letteratura, musica, cinema, scienza, arte, filosofia, teatro, diritto, economia, sport e fumetto. Un festival itinerante che tocca 25 città con un tema che incuriosisce e affascina, "La timidezza e i suoi contrari", che sarà sviluppato da oltre duecento ospiti, attraverso 72 incontri e nove mostre. La rosa dipinta da Franco Battiato, simbolo della rassegna, si presenta rielaborata da Franco Achilli, arrossisce in omaggio al tema. 

Come di consueto la Valtellina e, in particolare, l'Alta Valle, saranno uno dei palcoscenici principali della manifestazione con sette serate tra Bormio e Livigno

A Bormio

Da lunedì 22 a giovedì 25 luglio, la piazza del Kuerc ospiterà performance artistiche di livello assoluto tra contaminazioni di stili e dialogo fra arti.

Il sindaco Silvia Cavazzi e l'assessore alla cultura di Bormio Paola Romerio Bonazzi sono intervenute alla presentazione ufficiale, salendo sul palco chiamate da Elisabetta Sgarbi. "Per Bormio è una fase di transizione che stiamo affrontando con senso di responsabilità e attenzione ai cambiamenti climatici e ai riflessi sul territorio - ha detto il sindaco Cavazzi -. Ospitiamo con orgoglio e piacere la Milanesiana per l'ottava volta nella piazza del Kuerc, il luogo dove si vince la timidezza, in cui Bormio esce dalla sua dimensione montana per aprirsi all'esperienza culturale". Il merito della connessione con Elisabetta Sgarbi prima e con la Milanesiana poi è tutto dell'assessore Romerio Bonazzi che dal palco ha ricordato il primo incontro: "Sono felice di queste scintille. Grazie per il percorso che hai studiato per noi", ha affermato rivolgendosi a Elisabetta Sgarbi

Quattro, come detto, le serate, dal 22 al 25 luglio, in piazza del Kuerc, con grandi ospiti e la presenza di Elisabetta Sgarbi a introdurle. Lunedì con il controverso e geniale Morgan, preceduto dalla proiezione di "Lacci" di Ludovico Polignano; martedì con il travolgente Vittorio Sgarbi, nel suo Michelangelo, ma anche con la mostra di Sergio, "Alice nel paese delle meraviglie" allestita nella sede della Banca Popolare di Sondrio; mercoledì con Ron e le sue canzoni senza tempo, nel concerto spettacolo che lo vedrà al fianco di Marco Carola; giovedì con Cochi Ponzoni, nel dialogo con Sara Chiappori, prima di "Bird lives", l'omaggio a Charlie Parker di Emilio Soana Set. Declinazioni diverse della timidezza, e i suoi contrari, per una Milanesiana che affascina e coinvolge.

L'evento clou del calendario culturale di Bormio, uno degli appuntamenti più attesi sia dai residenti che dai turisti è promosso dal Comune con il sostegno di enti pubblici e aziende e l'organizzazione di Bormio Servizi.

A Livigno

Da Bormio a Livigno il trasferimento sarà rapido, sia in termini di spazi che di tempi: già venerdì 26 luglio, alle ore 21 in Plaza Placheda, si darà infatti il via al primo appuntamento nel Piccolo Tibet, ovvero il concerto di Fausto Leali, famosissimo cantautore italiano che vanta ben 63 anni di carriera musicale, 26 album pubblicati e 13 partecipazioni al Festival di Sanremo, che verrà anticipato dal prologo di Aurelio Picca, scrittore e poeta.

Sabato 27 luglio, invece, l’appuntamento è alle ore 18, sempre in Plaza Placheda, con l’inaugurazione della scultura luminosa e "La Rosa de La Milanesiana disegnata da Franco Battiato, opera di Marco Lodola, evento in collaborazione con il Comune di Livigno e Ciaccio Arte. All'evento interverranno Remo Galli (sindaco di Livigno), Sharon Zini (assessore alla cultura del Comune di Livigno), Elisabetta Sgarbi e Marco Lodola. A seguire, alle ore 21, ci sarà il secondo atto del concerto di Rita Pavone “Un piede nel passato e lo sguardo dritto e aperto nel futuro”. La cantante, attrice e showgirl italiana naturalizzata svizzera, con 27 album pubblicati e circa 55 anni di carriera musicale alle spalle, l'11 febbraio 2017, al sessantasettesimo Festival di Sanremo, ha ricevuto il premio alla carriera assegnatole dalla città di Sanremo, cantando per l’occasione la sua canzone Cuore del 1963.

Il giorno successivo, domenica 28 luglio, verrà inaugurata alle 18:00 la mostra "FRANCO ACHILLI. Omaggio alla Rosa di Franco Battiato: 25 rose per 25 anni di Milanesiana" alla Livigno Art Domus (via Prestefan 69), in collaborazione con il Comune di Livigno, Galleria Ceribelli e Ciaccio Arte. All'evento interverranno Elisabetta Sgarbi, Franco Achilli, Simone Cristicchi, Remo Galli e Sharon Zini. Alle 21, invece, l'appuntamento è con Simone Cristicchi - vincitore del Festival di Sanremo nel 2007 con la sua canzone “Ti regalerò una rosa” - e Amara “Torneremo Ancora. Concerto mistico per Franco Battiato”, un'occasione unica per immergersi nelle profonde atmosfere della musica del grande maestro, nonché evento di chiusura di tutti gli eventi in calendario dedicati a Battiato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Milanesiana anche quest'anno torna in Alta Valle

SondrioToday è in caricamento