rotate-mobile
Ricco di memoria e significato / Faedo Valtellino

Faedo, con il Presepe vivente l'antica contrada di San Carlo rivive il passato

Uno spettacolo ricco di memoria e significato che farà fare ai visitatori un salto temporale nel passato, quando l'essenziale era la ricchezza della gente

Tutto è pronto nei minimi particolari per accogliere i visitatori, il gruppo di volontari del paese, ha ormai ultimato i preparativi iniziati, nei passati mesi autunnali, per allestire e riproporre nella serata di Sabato 23 dicembre 2023 a partire dalle ore 20.00 nella contrada di San Carlo a Faedo Valtellino l'ottava edizione del “ Presepe vivente e antichi mestieri”.

Sono una decina i mastri del presepe che quest’anno si sono prodigati per gli allestimenti e la messa in sicurezza del percorso, mentre un’ ottantina gli altri volontari che parteciperanno attivamente alla rappresentazione come figuranti.

L’evento, dove parteciperanno anche la Protezione Civile di Faedo come sicurezza e il Comune di Faedo, come di consueto, si svolgerà nella contrada di San Carlo, che ben si presta per l’occasione, con angoli suggestivi e pittoreschi e farà un salto temporale nel passato, quando l'essenziale era la ricchezza della gente. La contrada riprenderà ad essere viva proprio come lo era un tempo accogliendo tra i suoi “andet” (i vicoli della contrada) gli antichi mestieri di un tempo, il fabbro, il falegname, gli artigiani le lavandaie e tanti altri tra sapori e profumi di un tempo. Il percorso avrà anche un significato particolare che porterà gli spettatori dalla fredda e chiassosa piazza del mercato, dove venditori terranno banco tra frittelle, miele, formaggi, salumi, tele e tanto altro e piano piano il percorso si addolcirà piu ci si addentrerà nella vecchia contrada, dove tra i sapori di una volta alcuni assaggi di formaggi nel “crot del Giacum e di dumega (la zuppa d'orzo) nella “locanda del pastore” e di profumi nella “butiga dela Giuanina” accompagneranno i visitatori all’intimità e calore della stalla, ovvero il fulcro e il significato del presepe vivente, la Sacra Famiglia.

L ’organizzazione sta preparando tutto per mostrarvi uno spettacolo coinvolgente e ricco di memoria e significato. Oggigiorno il vero senso del Santo Natale viene nascosto dal “Natale commerciale” e ciò che sarebbe la sua centralità, la nascita di Gesù, viene offuscata dall'eccesso. Da sempre, come il primo presepe vivente di San Francesco a Greccio, che festeggia 800 anni dalla sua creazione, il nostro presepe vivente vuole ricordare a tutti quelli che lo visitano e che lo rappresentano che nella sua semplicità, è il Natale del Signore, colui che è nato in una stalla povero tra i poveri per il bene di noi tutti. Il Presepe sarà un momento di gioia e aggregazione e quindi cogliamo l’occasione per invitarvi tutti per una serata di augurio aggregazione e amicizia sicuri di lasciare un segno e un senso di vero Natale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Faedo, con il Presepe vivente l'antica contrada di San Carlo rivive il passato

SondrioToday è in caricamento