rotate-mobile
Tris di possibilità / Teglio

Teglio, a Palazzo Besta tre visite guidate gratuite grazie al progetto ConValoRe

Appuntamento fissato per il 20 maggio, possibilità di prenotazione a partire da martedì 17

Cosa hanno in comune un dipinto di Carlo V della scuola del Tiziano, una suggestiva mostra fotografica sul Giro d’Italia ed un nuovissimo volume sull’Eneide figurata, relativo al ciclo di affreschi di Palazzo Besta? Faranno da cornice, in questo caso, al Mid term del progetto Interreg Italia-Svizzera “ConValoRe”, un progetto che vede capofila il Comune di Tirano e Regione Bernina e che, grazie a finanziamenti europei, realizza una serie di attività legate al patrimonio culturale e paesaggistico mirate a rafforzare l’attrattività dei territori di Valtellina e Valposchiavo. Nel corso di tre anni, “ConValoRe” sviluppa iniziative di conservazione, conoscenza e valorizzazione sostenibile delle comuni risorse ambientali e culturali di questi territori, che non sempre sono note a residenti e turisti.

Il programma

Venerdì 20 maggio, a partire dalle 17.00, l’incontro Mid term del progetto Interreg ConValore sarà anche l’occasione per offrire al pubblico tre appuntamenti culturali d’eccellenza: visite di approfondimento alla mostra “Carlo V, dagli Uffizi a Palazzo Besta” e agli affreschi dedicati alle storie dell’Eneide che decorano la corte del Palazzo, la presentazione in anteprima della mostra fotografica “La Valtellina in Giro”, dedicata al rapporto unico che lega il grande ciclismo sportivo al territorio della Valtellina.

Il palazzo

Palazzo Besta, uno dei musei statali afferenti alla Direzione regionale Musei Lombardia (Ministero della Cultura) è un gioiello di architettura rinascimentale, incastonato nella cornice delle Alpi. Per secoli fu dimora della famiglia Besta, che patrocinò cultura e arte in un territorio strategico e di cerniera, a lungo conteso tra Milano e Grigioni, tra cattolici e riformati. Il legame di Palazzo Besta con la vicina Svizzera parte infatti sin dal 1500, secolo che vide la costruzione di questo palazzo, ma anche l’avvio della secolare dominazione svizzera in Valtellina, a partire dalla quale la storia del Canton Grigioni va ad intrecciarsi indissolubilmente con le terre telline.

Architetture e decorazioni sorprendono per la varietà e la modernità delle forme e delle soluzioni, a testimonianza del fatto che nel Cinquecento, in Valtellina, transitavano non solo merci ma anche libri e idee, capaci di trovare, nel Palazzo e nella famiglia Besta, un terreno fertile per germogliare. L’unicità del Palazzo si deve proprio all’intreccio della storia della casata con le vicende e i contrasti politici e religiosi che hanno caratterizzato la storia di questo territorio.

Caratteristiche che ne fanno uno degli ideali punti di propulsione e disseminazione di progetti e pratiche di valorizzazione del territorio e del patrimonio culturale di Valtellina e anche di Valposchiavo, come quelli appunto in programma per venerdì 20 maggio a partire dalle ore 17:00.

Le visite guidate

Il primo appuntamento è con la visita di approfondimento al ciclo di affreschi incentrato sulle storie dell’Eneide che adorna l’incantevole cortile interno del Palazzo, oggetto di interventi di conservazione del progetto ConValoRe: sarà a cura di Valentina Balconi, restauratrice, e di Valentina Dall’Orto, autrice del volume “L’Eneide figurata di Palazzo Besta a Teglio”, di recente pubblicazione. La visita racconterà nel dettaglio questi dipinti che come una quinta teatrale sembrano delineare lo spazio di una rappresentazione scenica, un luogo in cui gli artisti hanno espresso all'aperto le loro storie, le fantasie e le invenzioni, alla stregua di una gigantesca quadreria in continua esposizione.

Giuseppina di Gangi, direttrice di Palazzo Besta, accompagnerà invece i visitatori alla scoperta del percorso espositivo dedicato a Carlo V, incentrato sulla temporanea presenza a Palazzo Besta del ritratto dell’imperatore di Tiziano e bottega, proveniente dagli Uffizi di Firenze e in mostra a Palazzo Besta per un anno.

La mostra fotografica

Andrea Costa presenterà invece in anteprima la mostra fotografica “La Valtellina in Giro”, di cui è curatore insieme a Paolo Bozzuto. La mostra racconta, attraverso grandi pannelli con suggestive foto d’autore, il rapporto tra le montagne della Valtellina e il Giro d’Italia. Istantanee che illustrano le gesta atletiche dei ciclisti e la straordinaria bellezza di un territorio incorniciato dalle Alpi, disegnato e sostenuto dalle linee dei terrazzamenti, emblema del patrimonio culturale e naturale di Valtellina e Valposchiavo. In una armonica corrispondenza di temi e luoghi, le fotografie saranno ospitate in quelle che furono le antiche cantine in pietra a vista di Palazzo Besta.

Sarà infine possibile visitare interamente il palazzo, aperto per l’occasione anche in orario serale (fino alle 19.45)

I fortunati partecipanti (l’attività è gratuita previa prenotazione, fino al raggiungimento del numero massimo di partecipanti) verranno accompagnati alla scoperta di questo splendido antico palazzo che rappresenta uno dei beni culturali di inestimabile valore, unitamente al paesaggio costruito alpino circostante di grande fascino, di cui il progetto ConValoRe si occupa.

Come prenotare

Per informazioni e per l’iscrizione gratuita fino ad esaurimento posti è necessario prenotarsi dal 17 maggio presso l’Infopoint di Teglio scrivendo a iatteglio@valtellinaturismo.com o telefonando allo 0342782000.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Teglio, a Palazzo Besta tre visite guidate gratuite grazie al progetto ConValoRe

SondrioToday è in caricamento