rotate-mobile
Sabato, 28 Maggio 2022
Messaggio accorato

Giornata della Memoria: il messaggio di Liliana Segre agli studenti valtellinesi

"La memoria è il mezzo di contrasto per la peggiore delle pandemie: l'odio e l'intolleranza"

Rispondendo a un invito del dirigente dell'Ufficio scolastico territoriale di Sondrio Fabio Molinari, la senatrice a vita Liliana Segre, sopravvissuta all'Olocausto, ha voluto inviare un messaggio agli studenti delle scuole della provincia di Sondrio in occasione della Giornata della Memoria.

Parole accorate che esortano i giovani a fare la loro parte affinché le barbarie del passato nazista e fascista non si ripetano più in futuro.

La lettera

Ecco le parole di Liliana Segre ai ragazzi e ragazze di Valtellina e Valchiavenna:

"Gentile Professor Molinari, cari insegnanti, carissime ragazze e ragazzi,

Vi sono grata per l’invito alla condivisione, sia pure con un messaggio, nella giornata più evocativa dell’anno , il 27 gennaio. Un momento enorme e delicato che chiama a raccolta, nel Paese, le sentinelle della memoria.

Come molti di voi ricorderanno il 9 ottobre 2020 ho chiuso la lunga stagione della testimonianza con la Lectio Magistralis “Ho scelto la vita”. In quelle parole ho messo insieme le istruzioni per l’uso. La materia da trattare è la Memoria. Non materia oscura ma potente antidoto contro la barbarie, mezzo di contrasto per la peggiore delle pandemie: l’odio e l’intolleranza.

Con la Costituzione repubblicana, tutti noi, persone, siamo entrate nell’età dei diritti umani. Ma nulla è per sempre. Quei beni preziosi vanno vigilati, protetti, tenuti al riparo. Sono i diritti che ci consentono di fare comunità e di rimanere, saldamente ancorati alla democrazia. Ora tocca a voi. Vogliate gradire i miei migliori auguri di buon lavoro e di buona memoria. Grazie". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata della Memoria: il messaggio di Liliana Segre agli studenti valtellinesi

SondrioToday è in caricamento