rotate-mobile
il riconoscimento / Sondalo

Concorso poesia dialettale di Sondalo: vince Albosaggia

Al büsach Paolo Piani il primo premio con l'ironico componimento “Perché mée abandunàac”. Tutti i premiati

Una serata davvero unica ed emozionante quella di venerdì 10 dicembre, quando, i dialetti della  Provincia di Sondrio e del Grigionitaliano, si sono dati appuntamento a Sondalo per la premiazione finale e recita dei componimenti del concorso di poesia dialettale, organizzato dal Comune di Sondalo in collaborazione con il Centro Studi Storici Alta Valtellina, la Pro Grigioni Italiano e APT Sondalo, con il patrocinio della Provincia di Sondrio e il contributo dell’associazione Amici della Musica di Sondalo, BIM Sondrio, Parco Nazionale dello Stelvio - Ersaf, Ufficio cultura del Comune di Bormio e VIS Lovero. 

Tante storie, racconti di vita e pensieri, tante voci, ognuna nel proprio dialetto di appartenenza, hanno reso speciale e toccante la cerimonia presentata da Gisella Schena, presidente della biblioteca di Sondalo e membro del Centro Studi Storici Alta Valtellina che ha accompagnato i poeti e gli ospiti sul palco, coordinando i vari momenti. Sono state ben 42 le poesie inedite (di cui 7 provenienti dalla Svizzera) presentate al concorso e valutate da un’autorevole giuria composta dalla presidente Ilia Tomè, Valentina Cardoni, Cristina Pedrana, Emanuele Mambretti, Marta Zecca, Nicoletta Noi-Togni e Franca Della Patrona, che hanno decretato i vincitori della IX edizione, assegnando i voti di giudizio di ogni singola poesia secondo i criteri di valutazione presenti nel bando: originalità del tema, riconoscibilità del tema, voce personale del poeta ed energia verbale, capacità di trasmettere emozioni attraverso l’uso originale di metafore e figure retoriche e la costruzione consapevole e curata del testo con una struttura unitaria riconoscibile.

Il sindaco di Sondalo, Ilaria Peraldini, ha aperto la serata ringraziando tutti i fautori dell’iniziativa: “Sono molto felice e onorata di presenziare alla finale del concorso di poesia dialettale che, da sempre, ha lo scopo di valorizzare e promuovere tutte le memorie e le espressioni culturali delle nostre realtà e dei nostri paesi. In una società moderna e sempre più virtuale e tecnologica è importante continuare a investire nella cultura e a non tralasciare gli aspetti più profondi e sinceri, legati alle tradizioni e alle origini; in particolar modo al nostro dialetto che rappresenta la voce più vera della gente di montagna”. 

Luca Della Valle, assessore alla Cultura, presente dalla prima edizione, ha sottolineato come: “Il concorso, nella sua semplicità, rappresenta un progetto straordinario, unico in tutta la Provincia e non solo, che vuole sancire l’inossidabile vitalità del dialetto che rimane la più grande eredità culturale del passato”.

I premiati

Le vere protagoniste della serata sono state le poesie, alcune molto intime e delicate ed altre più simpatiche ed ironiche. A vincere la IX edizione del concorso è stato il divertente componimento, in dialetto di Albosaggia, Perché mée abandunàac, scritto da Paolo Piani, veterano del concorso. Oltre al sindaco di Sondalo, a premiare il primo classificato, era presente anche il sindaco di Albosaggia, Graziano Murada, giunto per fare una simpatica sorpresa all’autore di casa. Secondo posto per la vincitrice delle ultime due passate edizioni, Mara Oregioni, con la toccante poesia, nel dialetto di Verceia, Féman denènz de 'n pas, dedicata all’universo femminile e sull’ultimo gradino del podio un altro storico amico del concorso, Marino Spini, con la poesia Pais, nel dialetto di Tartano. 

Durante la cerimonia sono state inoltre assegnate, dalla giuria, alcune menzioni speciali alle poesie ritenute meritevoli: 

I zocron d'na volta, di Antonietta Passarelli nel dialetto di Roveredo per “Un ricordo emozionante e nostalgico degli zocron (scarponi invernali con la suola in legno che si adoperavano su tutto l’arco alpino) scritto in maniera autentica che rispolvera aneddoti di un vissuto comune in ogni famiglia e ormai dimenticato”;

Natal del disset di Giuseppe Rainolter nel dialetto di Bormio, che ha “Interpretato liberamente un probabile fatto storico, l’autore ci fa capire che anche nelle situazioni più tragiche si possono costruire ponti di umanità; il tutto con un linguaggio semplice, ma che va dritto al cuore”

Amor de giuentù di Pasquale Di Cugno, nel dialetto di Grosio “Per la delicatezza del ricordo di una delusione amorosa, espressa in versi curati”.

Concorso poesia dialettale IX edizione - Sondalo, 10 dicembre 2021

Dante in dialetto valtellines

La serata è stata anche l’occasione per celebrare il settecentesimo anniversario della morte del Sommo Poeta Dante Alighieri, tra i primi a scrivere in lingua “volgare”, con la lettura della poesia La prima cansun de l'inferen, dedicata al primo cantico de La Divina Commedia, presentata al concorso da Marco Maffezzini, nel dialetto di Talamona e che gli organizzatori e la giuria hanno fortemente voluto premiare perché “L’autore, con una scelta assai coraggiosa, si è cimentato in una prova da far tremar le vene e i polsi”.

Al termine della serata è stato annunciato che, a breve, ci sarà l’apertura della nuova edizione del concorso, diventato un appuntamento classico del panorama culturale delle nostre valli, che si appresta a celebrare il decennale di attività.

Poesia vincitrice

Perché mée abandunàac di Paolo Piani (dialetto di Albosaggia)

Tüt de biànch lacàat, 

sèmpre nèt e urdinàat, 

posàvi ité ’ndèl cumidìi, 

gió 'nbas, deréet al spurtilìi; 

e sa, 'nvéci al me tucava laoràa, 

sóta al léc' stavi tranquil a speciàa 

fin ca òl sùul l'era ca levàat 

e con l'acqua de la rógia vignivi lavàat! 

Me presenti: sóo l'urinari, 

reperìbel ogni nòc', salvo straurdinari! 

fóo en servizi scrüpolos e riservàat: 

mai da la mia buca 'na cùcola l'è scapàat!

Parchè nü urinari tüt me vedéva, 

di nòs padrù tati róbi me conoséva: 

li quistiù pusé intimi e delicadi, 

a nü li podeva ca vèss piacadi! 

Me seva , saparsòrt!, chèl ca i maiava, 

a stranguiù, ü sa i lè mastegava, 

sa i stava en buna salùt ü miga tàat, 

sa i stava en pàas ü sa ieva rognàat; 

me capiva àa de li stagiù ogni pasac', 

sa li vachi iéra süci ü li fava lac', 

quant ca ’nde l' òrt l'era marüuc' i zuchìi, 

ü quanda li patati … ensema ai cudighìi!

Ma nùu, de tut chèl ca ’l sucedeva,

uficialmènt niént me vedeva: 

en silénsi me fava la nòsa misiù, 

tuso en prèvet che ricéef la confesiù!

E adèss, dopo ca par mila e pusé agn 

ma sempri fac' ol nòs dovéer sensa lagn, 

me sta abandunàac en mèz a la cunfusiù, 

piée de ragnini, sensa n'óngia de compasiù! 

A pensàa … da chèl ca se sènt al telegiornàal …

con tata géet che cupa, violènta e fa del màal, 

… ’mbé … a cérti crapi sènsa scervèl, 

me podarìss benìsem fach da capèl!!!

Tutte le poesie saranno visibili e scaricabili del sito internet del Centro Studi Storici Alta Valtellina: https://www.cssav.cmav.so.it/

Classifica finale

n.

Poesia

dialetto di

autore

1

Perché mée abandunàac

Albosaggia

Paolo Piani

2

Féman denènz de 'n pas

Verceia

Mara Oregioni

3

Pais

Tartano

Marino Spini

4

Natal del disset

Bormio

Giuseppe Rainolter

4

E turni amò ki

Ardenno

Giusi Gosparini

6

Al testament de l'af

Grosio

Pietro Cimetti

7

Faliui in paradìis

Sirta Forcola

Libera Liberale

8

E iscì anca nó

Bormio

Roberto Andreoni

9

Còr cuntent

Grosio

Natalina Pini

10

L'urìf

Cepina Valdisotto

Costantino De Monti

11

Pavel

Sondalo

Lucia Tortorelli

12

Un regal de'l ciel

Bormio

Maura Gurini

13

Al pign

Vicosoprano 

Val Bregaglia

Renata 

Giovanoli Semadeni

14

Al gh'era resun al Carducci

Madesimo

Lorenzo Pelanconi

14

Amor de giuentù

Grosio

Pasquale Di Cugno

14

Sc'cóltel

Semogo Valdidentro

Rocco Lanfranchi

Altre poesie classificate oltre il 15 ° posto a parimerito (In ordine alfabetico di località) 

Natal del kuatordesc

Bormio

Giovanni Peretti

Li campana

Bormio

Dora Pozzi

Pulenta e castegn

Cino

Adriana Rizzi

A catà l'üga

Cosio Valtellino

Paolo Mara De Maestri

Un cartel con su "no italian"

Grigioni

Rodolfo Fasani

Un a la volta

Grosio

Carlo Pini

La luna

Livigno

Achille Cusini

Li memòri di nos vecc'

Madonna di Tirano

Lidia Culanti

Mudè

Mesocco

Alfredo Parolini

La zia Lena

Poschiavo

Remo Tosio

El vecc cul giurnal

Rasura

Lidia Caspani

San Giusep e la Madona

Rogolo

Maurizio Peruzzi

Cari spos

Roveredo

Rosa Grassi Riva

I zocron d'na volta

Roveredo

Antonietta Passarelli

La magìa del bosc d'invern

S. Carlo Poschiavo

Corrado Crameri Gantner

Al pa'

Sondalo

Claudia Zubiani

Straluc' e tron

Sondalo

Pier Giorgio Garavatti

Na Madona vera

Sondalo

Giusi Simonelli

L'orden che l fa disorden

Sondalo

Natalia Ielitro

I véc'

Sondalo

Emilia Simonelli

La cà di curius 

Sondrio

Luciano Di Fabris

Un Nataal da penin

Talamona

Cesare Ciaponi

Mal tra n'sema

Talamona

Antonella Alemanni

La prima cansun de l'inferen

Talamona

Marco Maffezzini

I "prumès spus" de Cavaiùn

Tirano

Ezio Maifrè

El furnu de la Popa

Traona

Angelisa Fiorini

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Concorso poesia dialettale di Sondalo: vince Albosaggia

SondrioToday è in caricamento