rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Rassegna letteraria e non solo / Albosaggia

Albosaggia, edizione da incorniciare per "Il paese delle storie"

La rassegna letteraria è stata affiancata dagli itinerari a piedi o in bicicletta per scoprire le bellezze del territorio

Un’altra edizione da incorniciare per “Il paese delle storie” che lo scorso fine settimana ha nuovamente animato Albosaggia con una ricca proposta di autori, libri e occasioni di scoperta del territorio e delle sue principali vocazioni.

Nato dodici anni fa e cresciuto nel tempo, sapendo affiancare alla passione per la scrittura e la lettura anche contenuti etnografici e storici, iniziative di sport e manualità, il primo festival della letteratura della provincia di Sondrio é tornato al centro dell’attenzione per i temi di grande attualità, i nomi degli ospiti protagonisti dei salotti letterari e quello che ormai é l’inconfondibile biglietto da visita dell’evento, ovvero il “Concorso delle pile della legna”. 

A tenere le fila del festival, la Fondazione Albosaggia e il Comune di Albosaggia alleati da molti anni ormai nella promozione della letteratura e dei temi più autentici e interessanti per il paese; fra gli altri: la tutela dell’ambiente e delleconomia, il passato e il recupero dellarchitettura contadina, la valorizzazione della risorsa legno e gli sport a impatto zero.

Gli incontri

L’incontro con gli autori ha regalato altre pagine preziose: grande attesa e altrettanto entusiasmo hanno accompagnato l’arrivo di Carmine Abate, scrittore e insegnante italiano di etnia arbëreshe, autore di numerosi racconti, romanzi e saggi oltre che vincitore con “La collina del vento“ (2012) del 50° Premio Campiello. La sua presentazione, moderata dalla presidente della Fondazione Albosaggia, Ornella Forza, nella sala del municipio gremita di uditori venuti anche da fuori provincia, si é sviluppata intorno a Il cercatore di luce”, il suo ultimo romanzo recentissimo vincitore del Premio ITAS del libro di montagna per la sezione “Vita e storie di montagna”,  opera corale che affronta temi universali come la vita, la natura, la morte…sfumature in linea con i luoghi e con i tempi in cui “Il paese delle storie” é calato, capaci di tenere incollato alle sedie il folto e attento uditorio.

Intenso per tutto il fine settimana il dialogo con i personaggi ospiti dei vari salotti letterari: Alice Vierin, sindaco del comune valdostano di Valgrisenche, autrice di “Tempo da lupi”, testimonianza sulla difficile convivenza con il ritorno del predatore; Raffaele Munari, responsabile del progetto Vacanze in Baita del Trentino e consulente per la realizzazione di un modello analogo proprio ad Albosaggia.

Focus particolari negli incontri con Umberto Colli, responsabile della Direzione Regionale Lombardia Nord Crédit Agricole Italia, che ha approfondito le possibilità per il territorio montano nell’ambito delle strategie de “Le Village di Crédit Agricole” unopportunità per la montagna” e con il consulente energetico Andrea Mariani che ha offerto preziosi spunti di riflessione e discussione sul futuro delle comunità energetiche delineando proposte concrete per il contesto locale.

Ancora libri: “I silenzi ingombranti” di Antonella Altieri e “Il codice Debussy, storia di una resistenza montana, e della musica che lha accompagnata” di Lorenzo Della Fonte; infine ma non da ultimo, il Progetto “Xanadu” firmato dagli studenti e dagli insegnanti delle classi terze della Scuola Secondaria 1° di Albosaggia, frutto proprio delle attività di educazione alla lettura svolte durante lanno scolastico; una presenza, quella dei ragazzi, che ha offerto lo spunto agli organizzatori per rimarcare l’impegno dell’intero paese proprio per dare un futuro alle nuove generazioni.

Paese delle storie 2-2-2

Gli itinerari e il concorso

Accanto alla rassegna letteraria, l’itinerario fisico e culturale da poter scoprire a piedi o in bicicletta, reso fruibile anche a persone con disabilità, dotato di specifica mappa intrecciata al circuito delle pile; un mix promosso a pieni voti e realizzato grazie alla collaborazione del Gruppo Dialetto di Albosaggia, dellAssociazione Valtellina Intagliatori, della Biblioteca, della Polisportiva Albosaggia, dellOratorio, degli Alpini e Protezione Civile e delle Sscuole di Albosaggia, dellassociazione Dappertutto e delle altre associazioni. Gradite da tutti anche le degustazioni di prodotti a Km0 a cura dell’immancabile ed efficientissimo servizio SpaH - benessere in comunità insieme ad Albergo Etico Sondrio.

Gettonatissimi, nonostante le bizze del tempo, che domenica hanno imposto lo spostamento degli appuntamenti dal giardino di casa Cortese al palazzo del Municipio, i tre i laboratori per i bambini: intaglio del legno a cura dellAssociazione Valtellina Intagliatori e Intarsiatori; musica a cura del Gruppo Amici della Musica di Albosaggia e attività naturalistiche a cura del Parco Orobie.

Ora l’attesa é per il verdetto del concorso che arriverà a fine giugno. Le pile infatti potranno essere ammirate ancora per tutto il mese dai visitatori grazie alla mappa on-line sul sito della Fondazione. L’iniziativa, ideata con l’obiettivo di celebrare l’identità rurale del paese orobico (il legno e il lavoro dell’uomo, lo scambio fra generazioni, la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio boschivo) ha visto all’opera intere famiglie, frazioni e gruppi di amici; alla fine il pubblico, percorrendo il circuito delle realizzazioni sia a piedi che in bicicletta, in autonomia o grazie ai tour guidati, ha potuto osservare e apprezzare oltre una ventina di pile ufficialmente iscritte ed esprimere il proprio voto on-line premiando così gli sforzi e l’elevato livello artistico. E mente c’è chi progetta giá la catasta per il prossimo anno, l’edizione numero 13 de “Il paese delle storie” é giá in cantiere e in calendario per il 27 e 28 maggio 2023.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Albosaggia, edizione da incorniciare per "Il paese delle storie"

SondrioToday è in caricamento