La Bce stoppa la Banca Popolare di Sondrio, salta l'acquisizione della Cassa di Risparmio di Cento

Secondo la Banca Centrale Europea la priorità della Popso deve essere il derisking per rafforzare le strutture di governo e di presidio dei rischi

La sede della Bce a Francoforte

La Banca Centrale Europa non ha dato l’ok all’acquisizione di Cassa di Risparmio di Cento da parte di Banca Popolare di Sondrio, evidenziando la necessità per l’istituto valtellinese di dare priorità alle iniziative di derisking già in corso, al rafforzamento delle strutture di governo e di presidio dei rischi. Ad annunciarlo la stessa Popolare Sondrio in una nota diffusa nella tarda serata di giovedì 17 ottobre 2019. 

La Bce, nel dettaglio, ha sottolineato che tali iniziative di derisking, volte alla riduzione dei non performing loan, debbano avvenire mantenendo il capital buffer, “peraltro cospicuo”, di cui Popolare Sondrio dispone.  Non essendosi avverata una delle condizioni per il closing, l’accordo siglato con la Fondazione CR Cento e la Holding CRC viene meno. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’attività di Popolare Sondrio si concentrerà quindi nei prossimi mesi, anche attraverso il rafforzamento dell’attività di work-out, «a perseguire l’importante programma di riduzione dei crediti deteriorati classificati a sofferenza» comunicato lo scorso agosto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Livigno, don Stefano Bianchi trovato morto lungo un sentiero

  • Lutto a Chiuro, è deceduto il celebre ristoratore Silvio Fancoli

  • Con mezzo chilo di droga in auto: arrestati due giovani valtellinesi

  • Coronavirus, ancora 4 morti in provincia di Sondrio nelle ultime 24 ore

  • Tante incognite per la Scuola valtellinese: riduzione degli insegnanti e classi sovraffollate in arrivo

  • "Bonus bici", in Valtellina vale solo per i sondriesi

Torna su
SondrioToday è in caricamento