menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il coronavirus svuota le città universitarie: a Milano boom di stanze disponibili +290%

È quanto emerge dall’analisi dell’Ufficio Studi di Immobiliare.it che ha fatto il punto sul comparto delle locazioni di stanze e posti letto. I dati delle città italiane

Era inevitabile, si sapeva che il  coronavirus  avrebbe avuto un impatto non indifferente sul prezzo delle case e degli affitti. E così sembra essere. Se fino all’anno scorso trovare una stanza da affittare era per studenti e lavoratori fuori sede un’impresa, complice l’emergenza coronavirus l’offerta supera di gran lunga la domanda di singole o doppie: a Milano c’è il 290% in più di letti disponibili; in Italia in media si registra il +149%.

È quanto emerge dall’analisi dell’Ufficio Studi di Immobiliare.it che ha fatto il punto sul comparto delle locazioni di stanze e posti letto nelle principali città universitarie. “Didattica a distanza, smart working e south working hanno fatto registrare un boom dell’offerta di stanze e posti letto che in alcuni casi, come a Milano, risulta quasi quadruplicata rispetto al 2019”, ha sottolineato Carlo Giordano, amministratore delegato di Immobiliare.it.

“Studenti e lavoratori - ha detto - che sceglievano soluzioni abitative transitorie, come quelle di una stanza singola o di un posto letto in una doppia, hanno preferito in molti casi abbandonare momentaneamente le città, in favore di spazi più ampi e di un risparmio sull’affitto”.

A Milano disponibilità record

Milano è la città record per quanto riguarda la disponibilità di stanze: +290% su base annuale, seguita da Bologna (+270%). Offerta quasi triplicata a Padova (+180%) e Firenze (+175%) e raddoppiata a Torino (108%), Roma (+130%) e Napoli (+100%). Pisa è la città che registra l’incremento minore (+12%), comunque a doppia cifra rispetto al 2019.

La disponibilità di posti ha avuto un impatto anche sui prezzi delle stanze. L’osservatorio nel 2020 non rileva nessuna impennata sui costi, fermi a livello nazionale. Anzi, in molte città le oscillazioni sono in negativo: a Bologna e Palermo una stanza singola costa il 9% in meno rispetto al 2019 e a Siena chi cerca un posto letto può contare su un ribasso medio del 12%.

“Il confronto anno su anno ci rivela che a fronte di un picco dell’offerta i prezzi per ora tengono”, ha evidenziato Giordano. “Il mercato immobiliare è più lento rispetto ad altri nell’assorbire il contraccolpo di avvenimenti esterni, come il covid-19, ed è troppo presto per dire se ci sarà un impatto anche sul prezzo delle stanze in affitto”.

A Milano per una singola si spendono 565 euro in linea con il 2019, ma si registra un calo del 7% per le doppie che si possono ottenere a 345 euro per letto. Roma si richiedono in media 438 euro per una singola e 287 euro per un posto in doppia; seguono Bologna e Firenze dove per affittare una singola sono necessari circa 400 euro. Sotto la soglia dei 400 euro si trovano poi Venezia (358 euro), Napoli (338 euro la singola) e Torino (330 euro).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Valchiavenna in lutto per la morte di Guglielmo

Coronavirus

Coronavirus, la "stabilità" del contagio in provincia di Sondrio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento