rotate-mobile
Economia

Ricostruire i muretti a secco diventa un mestiere

Grazie al progetto "P-ART Una pietra sopra l’altra" Regione Lombardia ha riconosciuto la figura professionale di "operatore di costruzioni in pietra a secco". Gioisce la Valtellina dei terrazzamenti

Nuovo, significativo traguardo per "P-ART Una pietra sopra l’altra" con la creazione ed il riconoscimento ufficiale della figura professionale di “Operatore di costruzioni in pietra a secco”. Un obiettivo raggiunto grazie alla collaborazione tra il GAL Valle Brembana 2020, GAL Valtellina Valle dei Sapori e GAL Quattro Parchi Lecco Brianza, cofinanziato da Regione Lombardia attraverso il PSR 2014-2020 Lombardia, Misura 19 “Sostegno allo sviluppo locale LEADER”, Operazione 19.3.01 “Cooperazione interterritoriale e transnazionale”. 

Ad annunciare il riconoscimento e? stato Fabio Rolfi, assessore all'Agricoltura, alimentazione e sistemi verdi di Regione Lombardia. Il consenso al riconoscimento della nuova figura professionale, che si tratta forse dell’obiettivo piu? importante tra quelli raggiunti dal progetto P-ART, e? stato accordato dalla sottocommissione per l’aggiornamento del Quadro Regionale di Standard Professionali identificando nell’operatore di costruzioni in pietra a secco un professionista che possiede “conoscenze e tecniche che possono essere esercitate presso imprese edili o artigiane, imprese agricole e forestali, enti locali in forma di socio per imprese, come dipendente o in proprio”.

“I terrazzamenti per l'agricoltura delle nostre montagne sono fondamentali. Rappresentano non solo infrastrutture produttive, ma anche un elemento paesaggistico e culturale in grado di essere attrattivo anche sotto il profilo turistico. Avere una figura professionale riconosciuta significa dare futuro ai giovani di questi luoghi e ai territori. Ringrazio i GAL che hanno promosso e realizzato il progetto sapendo fare rete tra realta? pubbliche e private per il rilancio delle nostre valli. La Regione in questi anni ha avviato misure, che replicheremo nel 2023, per sostenere la manutenzione e il ripristino di questa straordinaria rete che e? a tutti gli effetti una infrastruttura produttiva e richiede professionalita? e competenze”, ha dichiarato Rolfi.

“Questo riconoscimento della figura professionale di ‘operatore di costruzioni in pietra a secco’ da parte di Regione Lombardia, – spiega Lucia Morali, Presidente GAL Valle Brembana 2020 – oltre a testimoniare la buona riuscita del progetto, si ricollega a tutto un lavoro che e? stato fatto in collaborazione con ANCE Lombardia, con gli enti territoriali partner, con gli istituti scolastici e gli enti di formazione come ITLA Italia APS, per mostrare e far conoscere ad artigiani, hobbisti, professionisti e neofiti, appartenenti a nuove e vecchie generazioni, le incredibili opportunita? offerte da questa antica maestranza. Ad oggi, sapere che grazie a P-ART esiste una professione riconosciuta, che possa effettivamente costituire un ponte tra passato e futuro, rappresenta per noi un importante motivo di soddisfazione. Un ultimo, ma non meno importante, ringraziamento va dedicato ai GAL partner del progetto nelle figure dei presidenti Alberto Marsetti e Giacomo Camozzini e di tutto lo staff”.

“L’individuazione dell’‘operatore di costruzioni in pietra a secco’ e? uno dei successi di questo progetto che coinvolge tutto il territorio montano. – afferma Giacomo Camozzini, Presidente GAL Quattro Parchi Lecco Brianza – Un riconoscimento che dara? prospettive per il futuro, rilanciando una tradizione che ritengo fondamentale per poter creare l’ambiente ecosostenibile che sara? una direttiva importante per le future generazioni”.

“Il GAL Valtellina ha partecipato al progetto P-ART Una pietra sopra l'altra, raggiungendo risultati tangibili e importanti, come l'organizzazione dei corsi di formazione sulla costruzione e la manutenzione dei muri in pietra a secco, che hanno riscosso grandissimo interesse e che hanno consentito oggi di istituire un percorso professionale certificato. Un tema centrale ed attuale per la Provincia di Sondrio, che anche grazie a progettualita? di questo tipo puo? garantire la conservazione nel lungo termine di questi manufatti.” – conclude Alberto Marsetti, Presidente GAL Valtellina Valle dei Sapori.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricostruire i muretti a secco diventa un mestiere

SondrioToday è in caricamento