Olimpiadi 2026 a Bormio e Livigno: si prevede un grande indotto economico per la Valtellina

Martina Cambiaghi, assessore regionale allo Sport e Giovani: «I Giochi Olimpici invernali saranno un'occasione d'oro per tutto il territorio lombardo, il miglior biglietto da visita per quanto riguarda lo sviluppo di nuove reti internazionali»

«I Giochi Olimpici invernali del 2026 rappresentano un'occasione d'oro per tutto il territorio lombardo, il miglior biglietto da visita per quanto riguarda lo sviluppo di nuove 'reti internazionali'. Ancora una volta Milano, ma anche la Valtellina, con Bormio e Livigno, saranno un trampolino di lancio non solo nel panorama sportivo internazionale, ma anche sotto il profilo economico e turistico. Queste localita', la loro 'forza' e l'impatto sulla domanda turistica sapranno coinvolgere in primis la Lombardia e, quindi, l'Italia intera». Lo ha detto Martina Cambiaghi, assessore allo Sport e Giovani di Regione Lombardia, intervenendo alla Camera di Commercio di Milano, in occasione dell'incontro in onore del Corpo consolare dedicato alle 'Reti internazionali' in vista dell'appuntamento del 2026.

Le cifre

Milano, Cortina, Bormio, Livigno: i numeri di queste località non lasciano spazio a equivoci. Secondo i dati sui ricavi nelle vendite della Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi, relativi al 2017, nei Comuni di Milano, Cortina, Bormio e Livigno il business dei settori piu' direttamente coinvolti in un evento olimpico invernale e' di 14 miliardi. Di questi, 7,7 miliardi nel commercio, 2 miliardi nell'alloggio, 2 miliardi nella ristorazione, un miliardo nell'organizzazione di eventi e manifestazioni, quasi 600 milioni nell'intrattenimento, 500 milioni nello sport.

In questi ambiti, sono oltre 20 mila le imprese attive al secondo trimestre 2019, crescono del 2 per cento in un anno e del 10 per cento in cinque anni, e impiegano circa 150 mila
addetti. Oltre la meta' operano tra shopping e ristorazione (14mila, +9 per cento in cinque anni), 2 mila nei trasporti (+1 per cento), mille nello sport (+18 per cento) e oltre mille nell'intrattenimento (+5 per cento in cinque anni).  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Investimenti permanenti

«Gli investimenti - ha aggiunto Cambiaghi - costituiscono un valore aggiunto a livello locale e con proiezione nazionale. Occorre pero' fare sistema, in vista di questo appuntamento, affinche' i benefici siano per tutti". Senza fermarsi alla data dell'evento, consapevoli che "occorre andare oltre, perche' quanto speso per impianti sportivi e infrastrutture resti patrimonio collettivo. Regione Lombardia e' a disposizione di tutti gli stakeholder coinvolti, perche' resti un'eredita' importante per tutto il Paese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in Svizzera, scosse percepite anche in provincia di Sondrio

  • Giro d'Italia, dopo la partenza da Morbegno i ciclisti protestano per pioggia e freddo: tappa accorciata

  • Svizzera, neve e buio coprono i massi caduti sui binari: treno deraglia

  • Cosio Valtellino, grave bambino di 7 anni investito sulla vecchia statale

  • Ammutinamento dei ciclisti al Giro, il direttore di corsa Vegni: «Figuraccia, qualcuno pagherà»

  • Coronavirus, la settimana nera della scuola valtellinese: 18 classi in quarantena

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento