Economia

Food Experience, la Valchiavenna da scoprire e da gustare: 276mila euro per le imprese

Oregioni: "Una crescita che punti sulla valorizzazione e sulla promozione delle peculiarità locali non può prescindere dal coinvolgimento degli operatori privati"

Uno stanziamento complessivo pari a 276 mila euro per interventi a favore delle attività commerciali, ricettive e artigianali del settore enogastronomico tipico locale: la somma viene messa a disposizione dei privati dalla Comunità Montana della Valchiavenna nell’ottica di una sinergia che si tradurrà in azioni per lo sviluppo del territorio. «Una crescita che punti sulla valorizzazione e sulla promozione delle peculiarità locali non può prescindere dal coinvolgimento degli operatori privati - spiega il presidente Flavio Oregioni -. Come ente pubblico attraverso i progetti stiamo cercando di creare le condizioni ideali ma tocca agli imprenditori mettere in campo le idee e investire nelle loro attività. Il bando offre un aiuto concreto in questo senso grazie a contributi a fondo perduto che copriranno la metà dei costi che verranno sostenuti».

Il progetto presentato dall’ente comprensoriale, che è stato premiato dalla Regione, denominato “Food Experience”, si inserisce nell’ambito di Asset, Accordi per lo sviluppo socio-economico dei territori montani. L’iniziativa punta sulle tradizioni enogastronomiche nell’ottica del mantenimento e della crescita dell’offerta turistica, commerciale e artigianale. Il cibo come espressione di un’antica tradizione enogastronomica e insieme veicolo promozionale del territorio e di tutto ciò che offre: eccellenze ambientali e naturalistiche, identità storica. Beneficiari dei contributi a fondo perduto sono le micro e le piccole imprese della Valchiavenna che potranno realizzare interventi sulle due misure previste dal bando: una incentrata sull’ammodernamento e l’ampliamento dell’attività, sia in termini di costruzioni, ristrutturazioni e acquisto arredi e attrezzature sia riguardo a strumenti tecnologici; l’altra dedicata al potenziamento e allo sviluppo della mobilità dolce attraverso l’installazione di attrezzature a servizio dei bikers. Per la prima misura il contributo arriverà fino a un massimo di 25 mila euro, per la seconda a 15 mila euro, per entrambi potrà coprire fino al 50% della spesa ammessa.

«Le imprese locali hanno una grande opportunità: crescere e svilupparsi, trasformare le idee in progetti in un’ottica di sistema - spiega il presidente Flavio Oregioni -. Al di là dei contributi a fondo perduto, la grande sfida è rappresentata da un’iniziativa che unisce pubblico e privato e che necessita dell’impegno di entrambi per essere vinta. Come amministratori pubblici abbiamo scommesso sulle potenzialità della Valchiavenna, poiché siamo convinti che quei tratti peculiari che la rendono unica siano in grado di aprire nuove prospettive di sviluppo. Enogastronomia, natura, cultura e mobilità dolce sono destinate a caratterizzare sempre di più la nostra offerta turistica e il progetto “Food Experience” che abbiamo lanciato va proprio in questa direzione».

Sono previste due finestre per la presentazione delle domande: la prima, con una dotazione finanziaria pari a 176 mila euro, si aprirà alle ore 12 del 1 febbraio per chiudersi alla stessa ora del 9 marzo; la seconda, con i restanti 100 mila euro, sarà compresa tra il 25 giugno e il 27 luglio 2018. Le domande dovranno essere presentate esclusivamente a mezzo posta elettronica, certificata o meno, alla Comunità Montana della Valchiavenna. La graduatoria verrà stilata sulla base dei punteggi ottenuti ma, in caso di parità, verrà considerato l’ordine cronologico di presentazione della domanda. Tutti gli interventi dovranno essere realizzati entro il 30 maggio 2019.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Food Experience, la Valchiavenna da scoprire e da gustare: 276mila euro per le imprese

SondrioToday è in caricamento