rotate-mobile
nomine

Congresso concluso, scelto il nuovo gruppo dirigente della Cisl di Sondrio

Davide Fumagalli confermato segretario generale. Con lui Vittorio Cantoni (Federazione Italiana Metalmeccanici) e Ilaria Urbani (Federazione Agricola, Alimentare, Ambientale, Industriale Italiana)

Dopo due giorni di congresso, presso il Teatro Sociale di Sondrio, si è riunito il neoeletto consiglio generale della Cisl provinciale, per l’elezione della segreteria UST, e del comitato esecutivo. Segretario generale confermato Davide Fumagalli, con lui la segreteria uscente composta da Vittorio Cantoni, proveniente dalla FIM (Federazione Italiana Metalmeccanici) e Ilaria Urbani della FAI (Federazione Agricola, Alimentare, Ambientale, Industriale Italiana).

Il comitato esecutivo è composto oltre che dalla segreteria, da tutti i segretari generali di categoria: Francesco Della Marianna (FIRST), Alberto Busi (FNS), Sergio Marcelli (FNP), Francesco Caiazza (FP), Rossano Ricchini (FILCA), Massimo Viglianisi (FIT), Massimiliano Arighi (FISASCAT), Elisa Ripamonti (Cisl Scuola), Emanuele Merazzi (FEMCA), Dante Spiniello (SLP), Nonini Simone (FLAEI) e Chiara Casello (FELSA). Compongono inoltre il comitato esecutivo i responsabili delle sedi zonali: Paola Bortolomai, Michele Fedele e Alessandra Vaninetti.

Il tavolo di confronto 

Durante il congresso si è rilevato come la pandemia da covid-19 che ha colpito il mondo intero ha completamente stravolto gli ultimi anni mettendo alla prova paesi e cittadini; durante questa fase la Cisl ha sempre operato al massimo delle sue possibilità per garantire la consulenza e la tutela di tutti coloro che si sono rivolti all’organizzazione con particolare riguardo ai propri iscritti.

In questo mandato la Cisl, “sindacato di montagna”, intende essere sempre più presente nel territorio, insieme ad enti e associazioni e a tutti i soggetti socio economici della provincia per lavorare insieme su obiettivi comuni.

Il mondo del lavoro con la crisi pandemica ha messo in luce tutti i limiti e le problematiche ad esso correlati, a partire dalla precarietà che colpisce soprattutto donne, giovani e stranieri in particolar modo nei settori dei servizi “non essenziali”. Il sindacato avrà un ruolo decisivo nei prossimi anni dove il trend nazionale ed internazionale sarà dettato dalle transizioni ecologiche e digitale per accompagnare i lavoratori e le lavoratrici in questo cambiamento, per una “transizione giusta”, sostenendoli nel percorso di riconversione occupazionale attraverso il dialogo sociale e contrattuale.

Dal punto di vista strategico e organizzativo la Cisl intende proseguire e consolidare il percorso avviato dallo scorso congresso con il rafforzamento del sistema degli sportelli integrati operativi in tutte le sedi zonali capaci di prendere in carico la persona nella sua integrità partendo dalla raccolta del bisogno e sapendo dare risposte multidimensionali o sapendo indirizzare all’interno del mondo Cisl o sul territorio coloro che vi si rivolgono.

La condivisione politica ed organizzativa del “modello Cisl Sondrio” andrà rafforzata con una maggiore sinergia tra confederazione, categorie e servizi. Il consolidamento della confederalità permetterà alla Cisl di Sondrio, nel suo insieme, di partecipare il presente per generare il futuro del nostro sindacato e del nostro territorio.

Riguardo alla drammatica situazione in Ucraina Cisl Sondrio condivide l'appello unitario di Cgil, Cisl, Uil, Arci-Acli-Anpi-Auser - Comunità Sant’Egidio della Lombardia per una cessazione degli scontri in atto e il ritiro delle forze russe da tutto il territorio ucraino per avviare trattative che risolvano i conflitti tra Stati nel rispetto del diritto internazionale tramite la diplomazia, il dialogo e la cooperazione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Congresso concluso, scelto il nuovo gruppo dirigente della Cisl di Sondrio

SondrioToday è in caricamento