rotate-mobile
Lunedì, 22 Aprile 2024
Eccellenza enogastronomica

Bresaola della Valtellina Igp: cala la produzione, ma tengono occupazione e consumi

Il nuovo presidente del Consorzio di tutela Mario Francesco Moro: "Viviamo una congiuntura difficile, lavoreremo per fare presente che, a volte, spendere qualcosa di più per un prodotto di qualità può diventare un buon investimento in termini di praticità, di utilizzo e di salute"

In un anno, si sono prodotti 1 milione di chilogrammi in meno di Bresaola della Valtellina IGP. Il comparto, già messo a dura prova dall’aumento dei prezzi della materia prima, ha dovuto fronteggiare gli effetti perduranti della pandemia, il caro energetico e le ricadute sempre più gravose della crisi russo-ucraina a cui si aggiunge anche l’inflazione, che sta spingendo i consumatori verso prodotti più accessibili dal punto di vista economico.

I dati

Nel 2022, la produzione complessiva di Bresaola della Valtellina IGP riferita alle 16 aziende certificate si è attestata a 12.300 tonnellate (-8,2% sul 2021), costituendo la totalità della produzione di Bresaola della Valtellina IGP certificata dall’Organismo di controllo CSQA. In totale, sono state avviate alla produzione poco meno di 35 mila tonnellate di materia prima (-7,8%), di selezionata provenienza europea e mondiale.

Sul fronte valore al consumo, il comparto ha segnato un valore di 492 milioni di euro (+0,6% sul 2021) con un impatto sulla provincia di Sondrio di 246 milioni di euro (+2%). La tenuta sul fronte del fatturato alla produzione ha permesso anche una tenuta sul fronte dell’occupazione, visto che il settore, rappresentato nel 2022 da 16 aziende certificate, assicura circa 1400 posti di lavoro e fa parte di un distretto importante per l’economia del territorio, il Distretto Agroalimentare di Qualità della Valtellina (sul cui valore totale alla produzione la Bresaola della Valtellina pesa circa per l’83%). Lato distribuzione, la GDO si conferma il principale canale di vendita (80% della produzione totale).

L’export rappresenta il 5% della produzione (in linea con il 2021), con un valore di 13,5 milioni di euro (-5,16%). Sono state esportate 615 tonnellate di Bresaola della Valtellina IGP (-9,47% sul 2021), nei Paesi UE (Austria, Belgio, Bulgaria, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Portogallo, Rep Ceca, Romania, Slovenia, Olanda e Paesi Bassi, Svezia, Spagna, Ungheria) ed extra UE (Antille olandesi, Arabia Saudita, Canada, Emirati Arabi, Giordania, Gran Bretagna, Kuwait, Libano, Qatar, Serbia, Svizzera, Città del Vaticano).

Il commento

Commenta i risultati il nuovo presidente del Consorzio di Tutela Bresaola della Valtellina, Mario Francesco Moro (Bresaole Del Zoppo srl), che raccoglie il  testimone di Franco Moro e rimarrà in carica per il prossimo triennio: "Viviamo una difficile congiuntura con un 2022 che ha visto un calo significativo della produzione, oltre l’8%, e una forte tensione sul fronte dei prezzi. A partire dalla seconda metà 2022 si è riscontrata una progressiva riduzione della domanda di bresaola e in particolare di quella certificata IGP che, già a posizionamento premium, ha registrato un calo deciso come conseguenza di uno spostamento del consumatore su salumi sostitutivi di minor fascia di prezzo. Sono cambiate abitudini di consumo e comportamenti d’acquisto in risposta alle sopravvenute esigenze di spesa di una larga fascia di consumatori, su cui questa emergenza ha impattato a livello economico e di reddito in modo significativo". 

"Quest’anno lavoreremo, soprattutto in comunicazione - ha concluso il nuovo presidente del consorzio -, per fare presente che, a volte, spendere qualcosa di più per un prodotto di qualità può diventare un buon investimento in termini di praticità, di utilizzo e di salute. La bresaola resta infatti uno dei salumi più salutari, fonte di proteine nobili importanti per l’organismo, ma non solo (pratico, versatile, con zero scarti, ricco in vitamine e sali minerali)”.

Il curriculum

Nato a Lecco, 36 anni e padre di 2 figli, Mario Francesco Moro è amministratore delegato di Bresaole del Zoppo Srl e di Penz Srl, società che produce sci a marchio Blossom. Amante dello sport e dell’alta montagna, è fondatore, amministratore e allenatore/maestro di sci, della St. Moritz Ski Racing Academy e pilota di elicotteri. È stato consigliere di amministrazione della società Elitellina Srl dal 2016 al 2021. È imprenditore associato a Confindustria Lecco e Sondrio.

Il consorzio

Costituitosi il 23 maggio 1998 e riconosciuto dal MIPAAF (oggi MASAF), il Consorzio di Tutela Bresaola della Valtellina ha l’obiettivo di promuovere, valorizzare e tutelare la Bresaola della Valtellina IGP in sinergia con le 15 aziende associate. Con il Presidente Moro, fanno parte del consiglio di amministrazione Claudio Palladi (Rigamonti Salumificio Spa) in qualità di vicepresidente con delega di rappresentanza in ISIT - Istituto Salumi Italiani Tutelati e responsabile operativo nel consiglio nei rapporti con l’agenzia di comunicazione e PR incaricata in sinergia con la Segreteria del Consorzio, Mario Enrico Della Porta (G. Pozzoli 1875 Srl), Mauro Fara (Italia Alimentari Spa) e Roberto Pini (Bresaole Pini Srl).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bresaola della Valtellina Igp: cala la produzione, ma tengono occupazione e consumi

SondrioToday è in caricamento