rotate-mobile
Danni incalcolabili

"Gli animali selvatici minacciano la nostra agricoltura"

Il grido d'allarme oggi, nel corso dell'assemblea "Orgoglio Coldiretti" della provincia di Sondrio tenutasi ad Albosaggia

La fauna selvatica incontrollata ha causato nell’ultimo anno danni all’agricoltura italiana per circa duecento milioni di euro, con campi coltivati rasi letteralmente al suolo, a cui si aggiungono problemi causati dalle importazioni selvagge di cibo dall’estero, con costi di produzione andati alle stelle e prezzi pagati nei campi sotto i livelli di sopravvivenza.  E’ l’allarme lanciato dall’assemblea “Orgoglio Coldiretti” appena conclusasi ad Albosaggia e che ha riunito gli imprenditori agricoli da ogni angolo di Valtellina e Valchiavenna: una delle 96 organizzate in contemporanea dalla Coldiretti su tutto il territorio nazionale, con la partecipazione record di oltre cinquantamila agricoltori, per chiedere soluzioni immediate. Una giornata cruciale per un’organizzazione che quest’anno festeggia i suoi ottanta anni.

L’appuntamento per gli agricoltori di Valtellina e Valchiavenna è iniziato alle 10.30 presso la sede del Parco delle Orobie (Albosaggia): dopo l’introduzione del direttore Giancarlo Virgilio, tra gli interventi quelli di presidente della provincia di Sondrio Davide Menegola, di Paolo Marconi (ARAL – Associazione Regionale Allevatori), Gianfranco Franchetti (Cons. Sponda Soliva), di Martino Salvetti (Fondazione Fojanini) e - sugli aspetti tecnici - di Giovanni Moranda (Coldiretti Sondrio)  mentre il punto sugli aggiornamenti sindacali e la chiusura dei lavori sono stati a cura del presidente di Coldiretti Sondrio Sandro Bambini.

Uno dei grandi focus è stato sui danni da fauna selvatica e sul preoccupante ritorno dei grandi predatori: “Peraltro, i danni causati dagli animali selvatici non vengono rimborsati che in minima parte e spesso dopo molti anni, con una situazione che ha portato molti a rinunciare a denunciare gli attacchi subiti - rimarca il presidente Bambini -. Tra l’altro, i pochi indennizzi che arrivano non coprono mai il reale valore del prodotto distrutto o dell’animale ucciso. Per fare un esempio, un produttore di vino pregiato che ha avuto la vigna devastata da cinghiali si vedrà risarcire solo il semplice valore dell’uva”. 

Proprio i cinghiali sono il maggior pericolo non solo per gli agricoltori, ma anche per i cittadini, con 170 incidenti stradali in Italia con morti (come già accaduto in Valtellina in tempi non lontani) e feriti causati nel 2023 proprio dall’impatto con cinghiali e altri animali selvatici, secondo l’analisi Coldiretti su dati Asaps, in aumento dell’8% rispetto all’anno precedente.

Ai danni alle coltivazioni si è aggiunto l’allarme della peste suina africana, la malattia non trasmissibile all’uomo che i 2,3 milioni di cinghiali oggi presenti sul territorio nazionale rischiano di diffondere nelle campagne, mettendo in pericolo gli allevamenti suinicoli sul territorio e, con essi, un settore che tra produzione e indotto vale circa 20 miliardi di euro e dà lavoro a centomila persone. Da qui la richiesta che rimbalza da nord a sud dalle assemblee Coldiretti di mettere un freno immediato alla proliferazione dei selvatici, dando la possibilità agli agricoltori di difendere le proprie terre. Mancano, infatti, i piani regionali straordinari di contenimento e strumenti normativi efficaci per difendere il territorio da una vera e propria invasione.

Le pratiche sleali

L’altro problema che pesa sui bilanci delle imprese è il crollo dei prezzi pagati alla produzione in molti settori simbolo, a partire dal grano, aggravato peraltro dal fenomeno delle pratiche sleali. Coldiretti è stata la prima e unica associazione a denunciare una multinazionale, la Lactalis, perché aveva modificato unilateralmente gli accordi e non aveva pagato il prezzo pattuito agli allevatori. Dopo 5 mesi, l’Ispettorato del Ministero ha sanzionato l’azienda francese dopo averne riscontrato la condotta sleale in centinaia di casi. Un fatto epocale per un’azione che gli agricoltori della Coldiretti vogliono ora estendere a tutte le filiere.

Fake in Italy

E a minacciare la sovranità alimentare nazionale c’è anche l’invasione di prodotti stranieri con le importazioni di cibo che sono aumentate del 60% nell’ultimo decennio raggiungendo il valore record di 65 miliardi di euro, secondo l’analisi Coldiretti su dati Istat. Prodotti spesso provenienti da Paesi che non rispettano le stesse regole di sicurezza alimentare e ambientale e di rispetto dei diritti dei lavoratori e che spesso vengono spacciati per tricolori sfruttando il codice doganale che consente di “italianizzarli” grazie a minime lavorazioni. Un fenomeno drammatico contro la quale la Coldiretti ha portato diecimila agricoltori alle frontiere del Brennero, lanciando una grande mobilitazione per una proposta di legge europea di iniziativa popolare sulla trasparenza di quanto viene portato in tavola, con la raccolta di un milione di firme. La campagna potrà essere sostenuta firmando in tutti i mercati contadini di Campagna Amica e negli uffici Coldiretti e sarà promossa anche sui social media con l’hashtag #nofakeinitaly.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Gli animali selvatici minacciano la nostra agricoltura"

SondrioToday è in caricamento