Sul treno senza biglietto si rifiuta di dare i propri dati anagrafici: denunciato

Dagli agenti della polizia intervenuti alla stazione di Sondrio una lunga opera di persuasione per ricevere la tessera sanitaria

Nel pomeriggio di domenica 25 ottobre gli agenti della squadra volante della Questura di Sondrio sono intervenuti presso la stazione ferroviaria del capoluogo, su richiesta del capotreno di un convoglio appena giunto. I poliziotti hanno risolto la "querelle" tra il capotreno ed un cittadino di nazionalità senegalese, di anni 32, D.M., regolare sul territorio nazionale e residente in Berbenno di Valtellina, sorpreso senza il biglietto necessario a bordo del treno Reg 5276 Lecco-Sondrio.

Per numerose volte il capotreno durante il viaggio ha cercato regolarizzare la condizione dell'uomo con le sanzioni del caso senza mai ricevere le generalità necessarie. Al reiterato rifiuto da parte del trasgressore, il capotreno ha allertato le forze dell’ordine che, in stazione, hanno raggiunto il soggetto e lo hanno invitato a fornire i propri dati anagrafici. L’uomo ha fornito, dapprima, delle generalità rivelatesi poi false e, dopo lunga opera di persuasione degli agenti, ha esibito una tessera sanitaria con i reali dati. Portato in Questura per gli atti di rito, è stato deferito in stato di libertà alla competente Autorità giudiziaria ai sensi dell’art. 496 del Codice Penale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ponte in lutto per la morte della giovane Teresa

  • Coronavirus, firmato il decreto legge che "blinda" Natale e Capodanno

  • Nuova Olonio, sradicano il bancomat nella notte: ladri in fuga

  • Da domenica la Lombardia diventa zona arancione: la conferma del Governo

  • Arriva l'inverno in Valtellina e Valchiavenna: previste le prime nevicate

  • Nonna Maria, la valtellinese di ferro: a 101 anni ha sconfitto due volte il covid (e la Spagnola)

Torna su
SondrioToday è in caricamento