menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caso vaccini nelle scuole di Chiavenna: le precisazioni del Dirigente Ust

Molinari: "Auspico che, per il futuro, prevalga sempre l’ interlocuzione e la comunione di intenti nell’ interesse dell’ intero sistema scolastico del territorio"

"Negli ultimi giorni - ha dichiarato Fabio Molinari, dirigente dell'ufficio scolastico territoriale di Sondrio - ho letto numerosi articoli che riguardano una vicenda relativa ad una divergente interpretazione della normativa sui vaccini che ha interessato i DS degli Istituti Comprensivi di Chiavenna. Non intendo ripercorrere una storia che i mezzi di comunicazione e gli interessati hanno già ampiamente raccontato. Come Dirigente di questo Ufficio Scolastico mi sento di poter affermare quanto segue: -La Dirigente Scolastica dell’Istituto “Bertacchi” di Chiavenna ha agito nel pieno rispetto della normativa in vigore ad inizio settembre, ed in particolare della disposizione transitoria contenuta nell’ art. 5 della medesima legge (cosiddetta Legge Lorenzin). -Il Dirigente Scolastico dell’Istituto “Garibaldi” si è assunto la responsabilità di accogliere una bambina quanto l’iter del cosiddetto decreto legge “Milleproroghe” era in fase di approvazione (si attendeva il passaggio al Senato) e prevedeva una ulteriore proroga della disposizione transitoria prevista dall’art. 5 della Legge Lorenzin per l’anno scolastico 2018-2019. Questo Ufficio, informato da entrambi i Dirigenti, ha seguito con estrema attenzione il caso specifico anche con il supporto degli Uffici centrali per comprendere quale atteggiamento assumere in una fase così delicata. Nel corso di tale interlocuzione ed osservazione, il 20 settembre il decreto “Milleproroghe” è stato convertito in legge ed immediatamente pubblicato in Gazzetta. Pertanto la vicenda ha trovato la sua naturale soluzione. Se, per motivi imprevisti, l’iter legislativo si fosse interrotto o i tempi si fossero ulteriormente allungati, sarebbe stato dovere dell’ Ufficio intervenire a tutela della normativa in vigore. All’atto della conversione del Decreto in Legge, si è provveduto a dare tempestiva comunicazione a tutte le Istituzioni scolastiche della Provincia in modo da garantire un comportamento univoco. Auspico che, per il futuro, prevalga sempre l’ interlocuzione e la comunione di intenti nell’ interesse dell’ intero sistema scolastico del territorio".
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento