menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Uschione, completato il rifugio lungo la via Priula: trasformata l'antica canonica al servizio dei turisti

Oregioni: "Un duplice obiettivo raggiunto con la trasformazione della canonica in rifugio escursionistico che, auspichiamo, renderà ancora più attrattiva la zona"

Un progetto per tappe, iniziato nel 2012 con l’Interreg Vialpes, proseguito con un intervento di restauro, quindi con l’assegnazione in gestione e, da ultimo, con lavori di manutenzione che hanno trasformato l’antica canonica di Uschione in uno spazio ricettivo funzionale senza alterarne il fascino senza tempo. A completamento del progetto, la Comunità Montana della Valchiavenna, dopo aver stanziato in questi anni quasi 170 mila euro, ha sostenuto le spese per la realizzazione di piccoli interventi di completamento, per 35 mila euro, migliorando ulteriormente la dotazione di servizi del rifugio.

«Grazie a questi interventi - spiega l’assessore ai Lavori pubblici della Comunità Montana Mauro Premerlani - il rifugio è stato completato e reso totalmente agibile: abbiamo restituito al territorio una struttura ricettiva che si pone quale punto di riferimento lungo la Via Priula. Non solo, la sua ubicazione all’interno di un altro percorso molto frequentato, denominato ‘Attraversata dei monti’, che da Villa conduce a Chiavenna, ne aumenta il potenziale ricettivo».

Inserito in un contesto rurale di grande suggestione, nel borgo sulla mezza costa a sud di Chiavenna, a 800 metri di quota, l’edificio, una vecchia canonica di proprietà della Parrocchia di Chiavenna, era stato ceduto in uso per venticinque anni alla Comunità Montana per trasformarlo in struttura turistico-ricettiva al servizio dei frequentatori della zona. Situato nella contrada Pighetti, tra la chiesa dedicata all’Ascensione e il Circul, è posto su tre piani e dotato di cucina, due sale da pranzo, quattro camere, servizi igienici e magazzino. Dal 1° marzo al 31 ottobre il rifugio è aperto nei fine settimana e durante le festività, da giugno a settembre, quando il paese si ripopola, tutti i giorni.

«La valorizzazione dei nostri antichi borghi lungo vie storiche, qual è il caso di Uschione - sottolinea il presidente della Comunità Montana Flavio Oregioni -, passa per il recupero delle strutture esistenti e per la dotazione di servizi in grado di soddisfare le richieste dei turisti. Un duplice obiettivo raggiunto con la trasformazione della canonica in rifugio escursionistico che, auspichiamo, renderà ancora più attrattiva la zona».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, cosa riapre dal 26 aprile e cos'è la zona gialla rinforzata

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento