menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tirano, un giardino intitolato a Rosa Genoni

La Città di Tirano intitola così una via “al femminile” in una toponomastica cittadina che alle donne ha dedicato finora solamente cinque vie

Si terrà proprio nella ricorrenza del giorno della nascita, sabato 16 giugno alle ore 11.00 presso il Giardino adiacente al campetto sportivo delle Scuole "L. Trombini" di Tirano  (Viale Cappuccini) la cerimonia di intitolazione del Giardino Rosa Genoni alla presenza dell’Assessora alla Cultura e al Turismo Sonia Bombardieri e della nipote-biografa di Rosa Genoni Raffaella Podreider.

Nata a Tirano il 16 giugno 1867, Rosa Genoni fu creatrice di moda, insegnante, giornalista e attivista per l'emancipazione femminile e la difesa delle donne lavoratrici. Di umile estrazione, lottò e vinse per realizzarsi: dal lavoro duro come “piscinina” al ruolo di direttrice di una delle più note maison milanesi, dal Gran Premio Internazionale all'Esposizione Universale di Milano del 1906 all'insegnamento alla Società Umanitaria, alla partecipazione - unica donna italiana - alla Conferenza dell'Aja del 1915, preludio di una lunga militanza pacifista e per la giustizia sociale. Fu la prima a concepire una moda di "pura arte italiana" e per questo è considerata l’antesignana del "Made in Italy". I suoi modelli sono esposti alla Galleria del Costume di Palazzo Pitti, a Firenze.

Al termine del 150° anno dalla sua nascita, la Città di Tirano rende omaggio a una donna pioniera che ancora non ha avuto pieno spazio nella storia valtellinese e che mise il suo coraggio e il suo sapere al servizio di altre donne, incoraggiandole in un percorso di pari dignità nel lavoro e nella vita. Rosa Genoni si batté tutta la vita per la pace e con la sua creatività poliedrica fu per l’epoca, ed è ancora oggi, un’ “avanguardia culturale”, un modello entusiasmante per le giovani generazioni, che fa onore alla Città e alla sua Storia.

La Città di Tirano intitola così una via “al femminile” in una toponomastica cittadina che alle donne ha dedicato finora solamente cinque vie. Da sabato, si aggiungerà un giardino.

La Cittadinanza è calorosamente invitata a partecipare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Chiuro in lutto, il covid si è preso don Attilio Bianchi

Attualità

Bambini, apre a Sondrio il negozio di giocattoli "Città del sole"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento