menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sondrio, ruba bici elettrica a medico all'interno dell'ospedale: fermato

L’ autore del furto, Z.L. di anni 58, dopo aver accompagnato un familiare presso l’ospedale, aveva approfittato del periodo di attesa trascorso all’esterno del nosocomio per appropriarsi del velocipede

A seguito di attività investigativa, condotta dagli agenti della Squadra Mobile della Questura di Sondrio, la Polizia di Stato è riuscita a risalire all’identità dell’autore del furto di una bici elettrica del valore commerciale di circa 1300 euro. Il furto è avvenuto nella giornata del 15marzo, a farne le spese un medico operante presso l’Ospedale Civile di Sondrio. Il velocipede era parcheggiato, privo della batteria, in un apposito stallo, all’interno della predetta struttura.

Gli accertamenti e la visione dei filmati del sistema di videosorveglianza della città di Sondrio, consentivano agli agenti di appurare che l’autore del furto, Z.L. di anni 58, dopo aver accompagnato un familiare presso l’ospedale, aveva approfittato del periodo di attesa trascorso all’esterno del nosocomio, per appropriarsi del velocipede. L’uomo, il giorno seguente al furto, si era recato in un noto negozio di articoli sportivi, produttore della bicicletta elettrica, per ordinarne la sola batteria mancante. Il personale dell’esercizio, avvisato dagli investigatori della probabilità che qualcuno avrebbe potuto cercare di acquistare esattamente quel prodotto, ha contattato immediatamente gli operatori della Squadra Mobile, consentendo di risalire così all’autore del furto.

Raggiunto dagli operatori presso la propria residenza ed interpellato circa le evidenze investigative, l’uomo ammetteva subito di essere l’autore del furto e di custodire la bici elettrica nella cantina della propria abitazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento