rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
La cerimonia

Sondrio rende omaggio alle vittime delle Foibe

Questa mattina, in occasione del "Giorno del ricordo", la cerimonia ufficiale al Parco della Rimembranza

Si è tenuta questa mattina al Parco della Rimembranza di Sondrio la cerimonia di commemorazione delle vittime delle Foibe in occasione del "Giorno del ricordo". Questo momento ufficiale è stato organizzato per il quarto anno dall'amministrazione comunale del sindaco Marco Scaramellini e si è tenuta alla presenza dell'assessore alle pari opportunità Barbara Dell'Erba e del vice-sindaco Lorenzo Grillo Della Berta. E' stata dunque apposta, sotto la targa affissa tre anni fa sul muro che delimita il lato nord del Parco della Rimembranza, una corona di alloro in onore di quanti hanno perso la vita o hanno dovuto lasciare le loro case e i loro affetti

"E’ doveroso - ha spiegato proprio Grillo Della Berta - ricordare eventi lontani nel tempo, ma che poi così lontani non sono e spiegare e instillare nei giovani quei principi di democrazia e libertà che sono stati calpestati. Una preghiera va non solo a chi ha perso la vita, ma anche ai loro discendenti spesso costretti a un esodo che per loro ha rappresentato un altro momento drammatico". "Visto il momento con cui ancora ci troviamo a fare i conti - queste, invece, le parole di Barbara Dell’Erba - abbiamo organizzato una cerimonia sobria, ma si tratta comunque di un momento importante per ricordare non soltanto chi ha perso la vita, ma anche abbandonare i propri affetti e trasferirsi altrove, spesso non venendo ben accolti. Si è trattato, senza dubbio, di un momento tragico della nostra storia".

DSCN3890-3

Il messaggio del presidente 

Il Prefetto di Sondrio Salvatore Rosario Pasquariello, invece, ha letto il messaggio che, proprio in occasione del "Giorno del ricordo", il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha voluto rivolgere ai cittadini e di cui uno dei passaggi più significativi recita che "anche il ricordo più doloroso e che trae origine dal male può diventare seme di pace e di crescita civile".

La testimonianza

Parole, queste ultime, particolamente apprezzate da Anna Maria Vesnaver, la cui famiglia paterna è stata vittima proprio delle Foibe: "Un momento davvero molto difficile - ha sottolineato la Vesnaver - e quindi oggi la cerimonia ha un significato davvero importante. La vita di mio padre è stata dedicata alla testimonianza di quanto successo sul confine orientale e di quello che molte famiglie hanno dovuto vivere. Ora tocca alla generazione mia e dei nostri figli non dimenticare il passato e fare in modo di costruire l’amicizia tra i popoli".

DSCN3891-2

La preghiera

La cerimonia si è conclusa con la preghiera e la benedizione di don Christian Bricola, arciprete di Sondrio, immediatamente successiva al posizionamento della corona d'alloro sotto la targa commemorativa.

DSCN3894-2

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sondrio rende omaggio alle vittime delle Foibe

SondrioToday è in caricamento